Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Hotel da brivido nella notte di Halloween
Lifestyle

Hotel da brivido nella notte di Halloween

Il ponte dei santi si avvicina e sono sempre di più coloro che ogni anno prenotano un weekend da brivido alla caccia delle streghe. Il portale di confronto prezzi hotel www.trivago.it ha selezionato le mete italiane dove i fantasmi sono “di casa”. L’autunno sembra essere la stagione più suggestiva per visitare questi luoghi avvolti nel mistero, le cui leggende sui fantasmi si tramandano da generazioni a generazioni, creando delle insolite suggestioni collettive in un mix tra cultura, storia e tradizione. Castelli, palazzi, luoghi carichi di fascino per una vacanza certamente da brivido.

1. Castello Bevilacqua , Verona

Il Castello Bevilacqua, in provincia di Verona, venne costruito nel XIV secolo da Guglielmo Bevilacqua, noto commerciante, per difendere i propri terreni dalle invasioni delle signorie confinanti. Nell’aprile del 1848 un gruppo di patrioti padovani cercò di ribellarsi al dominio austriaco e di costruire una linea difensiva, ma con scarso successo. I ribelli vennero subito cacciati e il castello Bevilacqua venne messo a ferro e fuoco, le ceneri del defunto Bevilacqua liberate nell’aria.

Da quel giorno si dice che lo spirito del padrone del castello vagherebbe per le mura del castello per difendere la fortezza da qualsiasi minaccia e violenza e che la sua voce si sentirebbe tra le fronde degli alberi del giardino pensile.

Ad Halloween il Relais del Castello Bevilacqua consente ai propri ospiti di soggiornare in una delle esclusive “junior suite” del Castello, ciascuna delle quali è dedicata ad uno degli avi che hanno abitato il maniero, in un sapiente mix di antichi arredi e moderno design, mentre le sale del castello, decorate a tema, saranno popolate da fantasmi e streghe volanti.

2. Villa Traiano, Benevento

La leggenda delle famose “Streghe di Benevento” risale all’epoca longobarda nel XII secolo quando la cittadina campana dovette accettare la difficile convivenza con i nuovi concittadini invasori, di conseguenza i loro rituali pagani. Per la cattolicissima e già superstiziosa Benevento “le stregonerie “ più bizzarre avvenivano sulle rive del fiume “Sabato” dove, appesa ad un albero di noce sacro, veniva contesa e mangiata dai longobardi la pelle di caprone in onore del Dio.

Simbolicamente associati questi rituali religiosi e magici al culto demonio, la tradizione delle streghe, tra cacciate, roghi e processi, proseguì per secoli nella città di Benevento. Fino a qualche secolo fa si racconta che le streghe di Benevento fossero solite danzare e cantare attorno ad un noce prima di prendere il volo, nelle notti nebbiose d’inverno.

La Villa Traiano di Benevento è uno dei palazzi più glam della città e monumento protetto dal Ministero dei Beni Culturali. L’hotel si trova dirimpetto alle mura della cittadina longobarda, nel cuore della città vecchia e a pochi metri dall’arco di Traiano, attrazione principale della città.

3. Touring Carpi

Da secoli nel Castello di Capri gira per le sue stanze il fantasma di una bellissima donna in cerca di vendetta. Si tratta della “dama bianca” discendente della famiglia Pio che nel medioevo, secondo un’antica leggenda, abitava nella torre del castello assieme al marito. Costui, gelosissimo, in preda ad un attacco d’ira, un giorno la gettò dalla torre, uccidendola.

Dal giorno la dama si aggirerebbe di tanto in tanto nel palazzo per apparire ai suoi discendenti e presagire il futuro. Quest’anno a Carpi un ricco calendario di eventi “magici “, tra giochi e narrativa, per grandi e piccini, sono previsti nella giornata del 31 Ottobre proprio dentro le mura del castello.

A pochi metri il Top Hotel di Capri, il Touring, elegante quattro stelle della famiglia Molinari, conosciuta stilista di calibro internazionale che lo ha interamente arredato in perfetto stile Blumarine in tonalità pastello.

4. Sa Rocca Resort, Guspini

Le “Cogas” di Villacidro erano streghe cattivissime. Uomini o donna che fossero, uccidevano i bambini, succhiavano il sangue, celebravano e impersonificavano il male. In città si mormorava che tenessero ben nascosta la coda, cercando di comportarsi come persone normali di giorno e uccidendo d’improvviso la notte. Potevano trasformasi in qualsiasi cosa, in una mosca o un gatto e agire indisturbate. Le stregonerie di Villacidro si sono tramandate fino in tempi recentissimi per tradizione orale, avvolgendo la cittadina campidanese in una coltre di misteri e leggende.

A pochi Km da Villacidro si trova il resort quattro stelle del Sa Rocca, ai piedi del Monte Linas, nei pressi del monumento naturale Sa Pedra Inquaddigada. Il Resort offre ai suoi ospiti un luogo unico e indimenticabile per raffinatezza ed eleganza. Da qui è possibile partire alla scoperta della città delle streghe di Villacidro, ma anche per visitare la suggestiva costa di Arbus e le numerose miniere abbandonate di Ingurtosu. Qui l’atmosfera è sicuramente da brivido.

5. La Cerretana, Bagnaia (VT)

Da secoli nella parte più alta dei monti Cimini, nel paese di Bagnaia a Viterbo è popolato dalle “figlie della Luna”. Pier Isa Della Rupe, una scrittrice locale, da decenni cerca di recuperare delle tracce vive della loro presenza. Secondo le testimonianze raccolte, le “streghe di Montecchio” tradizionalmente legate a qualche antico filone religioso dalle antichissime radici, ancora oggi svolgono i loro incantesimi sul colle che è diventato nel frattempo una sorta di “porta magica” e una attrazione dei Monti Cimini .

In questo suggestivo paesino alle Porte di Viterbo si può pernottare in una delle camere affrescate della Villa Cerretana , un antico palazzo signorile dell’ ‘800 ospitato in un grande casolare, oggi un Luxury Country House Hotel completo di tutti in comfort.

6. Entropia, Todi

La prima strega condannata al rogo di cui è rimasta traccia fu Matteuccia che venne arsa viva nella piazza di Rodi nel 1428. Dall’epoca sono passati ben 582 ma gli abitanti di Todi ancora ricordano la sua concittadina più celebre ogni anno. Matteuccia era una fattucchiera, risolveva le pene d’amore e scioglieva le fatture a chiunque le chiedesse aiuto. E venivano da tutte le parti d’Italia per chiederle un consulto. Ma in Umbria, terra magica per eccellenza, le stregonerie di Matteuccia sono solo alcune delle più celebri. Ad Halloween, nei castelli di Todi si svolgono numerosi party a tema.

Top Hotel di Todi, il Country House Entropia , antico casale in pietra dell’ ‘800, dove soggiornare diventa un’avventura a tutti gli effetti, tra escursioni, corsi di parapendio, tiro con l’arco e cucina organizzati in loco.

© Riproduzione riservata

1 Commento su Hotel da brivido nella notte di Halloween

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche