×

Html: cosa significa e come funziona

default featured image 3 1200x900 768x576

Html è una sigla tecnologica tra le più diffuse in rete. Andiamo a vedere in questo articolo cosa significa e come funziona

HTML è l’acronimo di HyperText Markup Language (tradotto in italiano con “Linguaggio di contrassegno per gli Ipertesti”) e non è esatto definirlo come un linguaggio di programmazione.

Si tratta invece di un linguaggio di markup (cioè di ‘contrassegno’ o ‘di marcatura’), che consente di indicare come vogliamo disporre gli elementi all’interno di una pagina.
Queste indicazioni vengono date attraverso tag (‘etichette’), che hanno la specifica caratteristica di essere inclusi tra parentesi angolari (ad es, <h2> è il segnaposto di una scrittura in carattere “titolo 2).

All’inizio non era previsto che il codice sorgente di HTML (cioè tutti i caratteri messi tra le parentesi angolate) fosse visibile agli utenti.

Un browser/editor avrebbe mostrato all’utente soltanto il linguaggio di una pagina di ipertesto su cui lavorare, come se si stesse usando un word processor. La leggibilità dell’HTML, però, si rivelò una manna inaspettata. Con grande sorpresa molte persone riuscirono ad abituarsi in fretta ad avere a che fare con i tag, e iniziarono quindi a scrivere direttamente propri documenti in HTML »
Con questo termine dunque indichiamo, attraverso i tag, quali elementi dovranno esserci su uno schermo e bisogna che questi elementi siano disposti.

Tutte queste indicazioni si possono trovare in un documento HTML, spesso chiamato “Pagina HTML“. Una pagina HTML è rappresentata da un file di testo, o un file che possiamo modificare con diversi programmi come ad esempio notepad e in genere hanno un nome che abbia l’estensione .html.

Ciò significa quindi che l’HTML non possiede i costrutti che sono caratteristici della programmazione: stiamo parlando dei meccanismi “condizionali”, che consentono di reagire in base al verificarsi di una condizione (in sostanza “in questa situazione fai questo, in quest’altra fai quest’altro”), oppure anche dei costrutti iterativi (in sostanza “ripeti questa azione, finché non succede questo”).

Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Modestino Picariello

Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora