I 10 migliori consigli per l'addestramento del cane - Notizie.it
I 10 migliori consigli per l’addestramento del cane
Animali

I 10 migliori consigli per l’addestramento del cane

1. Ascoltate il vostro cane

Imparate ad ascoltare il vostro cane. Se il vostro cane sembra a disagio quando incontra un altro cane, animale o persona, non insistete. Vi sta dicendo che è a disagio per una ragione, e voi dovreste rispettarlo. Forzare il risultato può spesso portare a problemi più grandi su tutta la linea.

2. Siate generosi con il vostro affetto

La maggioranza delle persone non ha nessun problema ad essere chiari quando non sono felici con i loro cani, ma spesso ignorano le cose buone. Grande errore! Siate sicuri di dare al vostro cane molte attenzioni quando sta facendo la cosa giusta. Fategli capire quando è bravo. È tempo di essere più generosi con la vostra attenzione ed il vostro elogio.

3. Gli piace veramente?

Solo perché il sacchetto dice “una delizia che tutti i cani amano”, non significa che il vostro cane lo amerà automaticamente. Alcuni cani sono molto selettivi su quello che preferiscono mangiare.

I dolcetti morbidi e gommosi sono di solito più buoni per il vostro cane rispetto a quelli più duri e croccanti. Tenete i vostri occhi aperti per capire ciò che gli piace.

4. Ditegli cosa volete che faccia

Non c’è niente di intrinsecamente sbagliato nel dire al vostro cane “no”, tranne che non gli si dà abbastanza informazioni. Invece di dire al vostro cane “no”, ditegli cosa volete che egli faccia. I cani non generalizzano bene, così se il vostro cane salta addosso a qualcuno per salutarlo e voi dite no, egli potrebbe saltare più in alto o saltare sul lato sinistro invece che sul destro. Una migliore alternativa dovrebbe essere chiedergli di sedersi. Ditegli cosa deve fare, così da evitare confusione.

5. Siate coerenti

Ogni volta che state allenando il vostro cane, è importante che siano coinvolti più membri della famiglia possibili così tutti sanno cosa fare. Se state dicendo al vostro cane “via” quando salta sul divano e qualcun altro dice “giù”, mentre qualcun altro ancora gli permette di stare sopra, come potrà mai imparare quello che volete? La coerenza sarà la chiave del vostro successo.

6.

Abbiate delle aspettative realistiche

Il cambiamento di comportamento necessita di tempo. Dovete avere delle aspettative realistiche sul cambiamento del comportamento del vostro cane, così come sul tempo che impiegherà a cambiare i comportamenti che non vi piacciono. Spesso, i comportamenti normali per i cani avranno bisogno di più tempo, come ad esempio abbaiare, scavare e saltare. Dovete anche considerare quanto tempo il vostro cane ha provato il comportamento. Per esempio, se per gli ultimi sette anni non vi è interessato che il vostro cane saltasse addosso alle persone per salutarle, ed ora decidete che non lo deve più fare, quel comportamento impiegherà più tempo a cambiare, poiché non gli è stato insegnato quando era un cucciolo. Ricordate, non è mai troppo tardi per cambiare il comportamento, qualcuno avrà bisogno di più tempo rispetto agli altri.

7. Non sottovalutate i benefici del mangiare cibo di alta qualità

Date al vostro cane cibo di alta qualità, con quantità appropriate di proteine.

Se il vostro cane trascorre la maggior parte dei giorni oziando nel vostro condominio, non dategli cibo con un livello di proteine ideale per i cani che sorvegliano un gregge tutto il giorno. I soldi che spendete in cibo di buona qualità spesso sono soldi che risparmierete più avanti per il conto del veterinario. Parlate con il veterinario per decidere la miglior dieta per il vostro cane.

8. Ottenete quello che rinforzate – non necessariamente ciò che volete

Se il vostro cane ha un comportamento che non vi piace, c’è una forte probabilità che sia qualcosa che è stato consolidato prima. Un buon esempio è quando il vostro cane vi porta un gioco ed abbaia per convincervi a lanciarlo. Voi lanciate il gioco. Il cane ha appena imparato che abbaiando ottiene ciò che vuole. Voi dite “no” e lui abbaia ancora di più. Il cielo vi proibisce di arrendervi e di lanciare il gioco adesso! Perché? Perché gli avete insegnato che la sua insistenza si liquida.

Prima di saperlo, avrete un cane che abbaia ogni volta che vuole qualcosa. La soluzione? Ignorate il suo abbaiare o chiedetegli di fare qualcosa per voi (come “seduto”) prima di lanciare il suo gioco.

9. Corruzione vs ricompensa

L’idea di usare trucchi per l’addestramento è spesso paragonata alla “corruzione”. Sinceramente, i cani fanno ciò che funziona. Se usando trucchi ottenete ciò che volete, perché no? Potete usare anche l’ambiente che vi circonda come un consolidamento. Ogni interazione che avete con il vostro cane è un’opportunità per imparare, così quando ci pensate, probabilmente non usate il cibo molto spesso se non durante le sessioni di addestramento attive. Perché il vostro cane continua a sporgersi? Perché quel comportamento è stato consolidato con un elogio, un tocco, dei giochi e delle passeggiate. Solo ricordate, il comportamento dovrebbe produrre la festa; la festa non dovrebbe produrre il comportamento.

10. Libertà

Permettete al vostro nuovo cane di guadagnare gradualmente la libertà per tutta la casa.

Un errore comune che fanno molti proprietari di animali domestici è quello di dare al nuovo cane troppa libertà troppo presto. Questo può facilmente portare ad incidenti legati allo sporcare in casa e ai morsi distruttivi. Così, chiudete le porte delle stanze che non utilizzate ed usate i cancelli per bambini per dividere le parti della casa, se necessario. Uno dei migliori modi per ridurre al minimo gli incidenti è tenere il cane vicino a voi in casa ed usare un’area di sicurezza per il cane quando non potete controllarlo da vicino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

eterosessuale
Sesso & Coppia

Cosa vuol dire eterosessuale?

di Notizie

Il termine eterosessuale oggi è utilizzato soprattutto per classificare un comportamento e una tendenza sessuale. Andiamo più a fondo e scopriamo l’etimologia del termine, le classificazioni sessuali e la teoria dello sviluppo psicosessuale di Freud.