×

I russi prendono il controllo della gigantesca centrale nucleare di Zaporizhzhia

Grossi dell'AIEA dopo che i russi prendono il controllo di Zaporizhzhia: "Di fondamentale importanza che il conflitto armato non interrompa l'attività"

La centrale nucleare di Zaporizhzhia

La notizia è allarmante, i russi hanno preso il controllo della gigantesca centrale nucleare di  Zaporizhzhia, nel sud-est dell’Ucraina, una delle più grandi d’Europa e la più grande fra quelle operative nel paese e non in decommissioning come Chernobyl.

Lo scoop in merito del britannico Guardian ha innescato il serio allarme del direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Rafael Grossi.

I russi prendono il controllo di Zaporizhzhia: ci sono 6 reattori nucleari

Con le truppe della Federazione che avrebbero preso il controllo dell’area intorno allo stabilimento di Zaporizhzhia la situazione si complica molto. Dal canto loro i funzionari russi hanno diramato un documento in cui spiegano che il personale ucraino sta continuando a “lavorare per fornire sicurezza nucleare e monitorare le radiazioni nel normale funzionamento”.

Attenzione, Zaporizhzhia è sito di sei dei quindici reattori del paese. 

“Grossi: “Via le operazioni belliche da quei siti”

E l’allarme di Grossi al cda AIEA a Vienna è obiettivo: “È di fondamentale importanza che il conflitto armato e le attività sul terreno intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia e qualsiasi altro impianto nucleare dell’Ucraina non interrompano o mettano in pericolo in alcun modo gli impianti o le persone che lavorano a e intorno a loro”.

Dal canto suo Anton Gerashchenko, funzionario del ministro dell’Interno, che cita una vera catena umana di civili che stanno facendo cintura attorno alla centrale, ha lanciato un appello ai generali russi: “Ripensateci! Non create le condizioni per una nuova Chernobyl! Le radiazioni non conoscono nazionalità e non risparmiano nessuno”.

Contents.media
Ultima ora