×

Il cane chiede aiuto abbaiando e salva il suo padrone

Un ragazzo di 22 anni si è sentito male ma è stato salvato dal proprio cane che abbaiando fino allo sfinimento ha allertato il vicinato.

Ragazzo salvato dal proprio cane

Chiunque abbia un animale domestico, sa di dovere molto al proprio amico a quattro zampe. In questo caso, un ragazzo bresciano di 22 anni deve addirittura la vita al suo cane, il quale capendo la gravità della situazione, si è messo ad abbaiare finché i vicini udendolo hanno chiamato i soccorsi, che giunti sul luogo hanno confermato ciò che il cane cercava di comunicare: il ragazzo poche ore prima aveva era stato improvvisamente colto da un malore.

I soccorsi intervenuti grazie al cane

Il 22enne è stato trovato esanime la mattina di sabato 21 maggio nella sua abitazione in Via San Faustino, nel centro di Brescia. Il suo cane, l’unico altro presente nella residenza, ha abbaiato per ore dal primo piano della palazzina, allertando tutto il vicinato che iniziando a temere si trattasse di un’emergenza ha chiamato un’ambulanza.

I soccorsi, per riuscire a intervenire sono dovuti entrare dalla finestra, dopo essersi arrampicati sulla grondaia. A quel punto i medici, si sono trovati davanti un cane meticcio di taglia media e il ragazzo completamente privo di sensi, che è stato ricoverato subito d’urgenza all’ospedale. Effettivamente le sue condizioni erano gravissime, ma al momento il giovane non sembrerebbe in pericolo di vita e non avrebbe subito danni permanenti al cervello.

I tanti eroi a quattro zampe

Non è il primo caso in cui un cane tenta disperatamente di chiedere aiuto, riuscendo così a salvare una vita: è capitato anche alla famiglia di Bangor, nell’Irlanda del Nord, quando il figlio, Riley Gedge-Duffy, affetto da sindrome di Down, è malauguratamente rimasto incastrato nell’asciugatrice. Come racconta il papà, “Riley non è consapevole dei pericoli.

Lui è così, ogni tanto scompare. Ieri, ha deciso di voler rintanarsi nell’asciugatrice e se il cane non avesse avvisato mia moglie, sarebbe rimasto intrappolato, uno, due minuti in più e sarebbe morto”. Il bambino infatti aveva provato a chiamarla, ma la mamma stava usando l’aspirapolvere, non riuscendo così a udire la richiesta d’aiuto di suo figlio. Sarebbero bastati pochi minuti in più perché accadesse una tragedia, se non fosse che Teddy, il cagnolino della famiglia, ha iniziato ad abbaiare disperatamente così da riuscire ad attirare l’attenzione della madre che a quel punto capendo la situazione si è precipitata a estrarre il figlioletto dall’asciugatrice. Il bambino fortunatamente, ha riportato ferite soltanto superficiali, proprio grazie al suo fedele amico Teddy.

Il cane di un turista tedesco, si è dimostrato ancora più in gamba: l’uomo ha avuto un malore mentre era alla guida di un Mercedes, senza riuscire nemmeno ad accostare la macchina.

Tuttavia, l’animale che sedeva accanto a lui si è messo ad abbaiare smisuratamente, finché rendendosi conto di non avere risultati, è balzato giù dalla macchina attraversando la strada ed entrando nella ferramenta li vicino, attirando così l’attenzione del titolare e dei dipendenti, che hanno immediatamente avvisato i soccorsi e i Vigili urbani, i quali si sono occupati di spostare la macchina e far riprendere la normale viabilità.

Il cane si è dunque dimostrato più volte il miglior amico dell’uomo, non soltanto perché condivide la vita col proprio padrone, ma anche perché come in questi casi, è stato capace di salvargli la vita.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche