"Il caso Collini", di Ferdinand Von Schirach - Notizie.it
“Il caso Collini”, di Ferdinand Von Schirach
Libri

“Il caso Collini”, di Ferdinand Von Schirach

E’ un’opportunità senza precedenti quella che si presenta al giovane avvocato Caspar Leinen quando viene nominato difensore d’ufficio di un omicida reo confesso. Indossare la toga ed entrare nel celebre tribunale del Moabit, a Berlino, è il sogno della sua vita, e accetta senza pensarci due volte.

Ed è proprio a partire da questo punto che Ferdinand Von Schirach ci trascina in un’indagine contorta e ricca di colpi di scena. L’imputato si chiama Fabrizio Collini, un italiano che dopo una vita trascorsa placidamente nella fabbrica in cui lavorava, ha ucciso a sangue freddo, con un colpo di pistola, l’ottantenne Hans Meyer, un ricco industriale noto in tutto il paese. L’omicidio assume, da subito, una portata mediatica piuttosto massiccia, e Caspar Leinen crede si tratti di un’occasione d’oro per uscire dall’anonimato ed entrare a far parte dell’elite degli “avvocati che contano”, del tutto ignaro della complessità della causa.

Scavando a fondo nel passato di Hans Meyer, il giovane avvocato scopre che l’ottantenne era il nonno di un suo vecchio amico del liceo.

Tuttavia neppure questa forma di coinvolgimento personale lo convince ad abbandonare la causa. Causa che diverrà via via più complessa con l’approfondimento delle indagini e delle sue ricerche personali, tanto che, alla fine, lo stesso Leinen arriverà a dubitare delle proprie capacità. Nulla è come appare, e il giovane imparerà a proprie spese a non fidarsi di niente e di nessuno, tanto meno delle apparenze.

Ferdinand Von Schirach, nato a Monaco nel 1964, è avvocato penalista. Nel corso della sua carriera si è occupato di alcuni dei crimini che hanno coinvolto maggiormente l’opinione pubblica tedesca. Ha esordito nel romanzo con “Il caso Collini”, (Longanesi, 2012) che in Germania nelle prime due settimane di vendita ha superato le 300.000 copie ed è balzato subito in testa alle classifiche.

Filippo Munaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche