×

Il covid uccide Milkha Singh, il ‘Sikh volante”

Il covid uccide Milkha Singh, il 'Sikh volante": scampò al massacro della sua famiglia nel 1947 e divenne un asso del mezzofondo

Milkha Singh

Il covid uccide Milkha Singh, il ‘Sikh volante” che per l’India oggi martoriata dal coronavirus era una delle leggende dell’atletica più grandi. L’ex campione è morto all’età di 91 anni portandosi dietro la fama imperitura di mezzofondista di razza, vincitore di diversi ori e stella delle Olimpiadi di Roma del 1960.

Fu in quell’occasione che le doti atletiche di Milkha fecero il paio con il suo battage di “personaggio” che bucava il neonato piccolo schermo: quei sui capelli lunghissimi annodati sulla parte alta del capo secondo l’usanza Sikh e quell’aria esotica in un mondo che stava appena imparando a guardare oltre i propri confini gli valsero una fama perfino superiore al suo talento.

Il covid uccide Milkha Singh, il ‘Sikh volante”: talento e carisma a Roma ‘60

Talento tuttavia indiscusso, visto che a Roma ‘60 Singh ottenne un lusinghiero quarto posto nella finale dei 400 metri. E la storia personale di Milkha non fece altro che contribuire al carisma del personaggio: da adolescente Singh era scampato ai massacri nelle lotte per l’indipendenza indiana del 1947 e la sua tessa famiglia venne sterminata. Non è un caso che l’attentissima Bbc abbia voluto tributare all’atleta scomparso un ricordo incentrato su un titolo iconico: “L’uomo che imparò a correre per salvarsi la vita”.

Il covid uccide Milkha Singh, il ‘Sikh volante”, dopo sua moglie, ex pallavolista

La morte di Singh per covid è avvenuta nell’ospedale di Chandigarh, nel nord dell’India ed è sopraggiunta a pochi giorni di distanza dalla scomparsa dell’85enne moglie del campione, Nirmal Kaur, anche lei sportiva di grana finissima ed ex stella dalla pallavolo. Nei campionati asiatici Singh aveva vinto cinque medaglie d’oro. Ai giochi del Commonwealth del 1958 ebbe un altro oro e nel 1959 ebbe l’Helms World Trophy per aver vinto 77 delle 80 gare internazionali disputate.

Il covid uccide Milkha Singh, il ‘Sikh volante”: il tributo di Bollywood

Era nato a Multan, nell’India britannica, nel 1930 e nel 2013 perfino Bollywood gli aveva offerto il suo tributo con il film “Bhaag Milkha Bhaag” (Corri Milkha, corri). Il titolo prese ispirazione dalle ultime parole che gli avrebbe urlato il padre prima di essere massacrato durante le rappresaglie contro i Sikh da parte delle milizie filo pakistane all’inizio del 1947.

Contents.media
Ultima ora