×

Il discorso del Nobel Parisi sui cambiamenti climatici diventa tema della Maturità 2022

Il discorso del Nobel Parisi e il tema della Maturità 2022: "L'impatto che gli uomini possono avere nell'accelerare o nel rallentare questo processo"

Il Nobel per la Fisica Giorgio Parisi

Il discorso in Regno Unito del Nobel Giorgio Parisi sul cambiamento climatico, ecco l’argomento per cimentarsi con il tema tecnico-scientifico della Maturità 2022. Si tratta di un argomento di estrema attualità che ha una “sponda” concettuale di livello altissimo, spnda che ha in un certo senso segnato la storia delle relazioni fra i sistemi complessi di governo e l’ambiente che dovrebbero tutelare.

Il discorso in questione, quello che il Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi ha tenuto in occasione del pre-COP26 Parliamentary Meeting, è una caposaldo della cultura green.

Il discorso del Nobel Parisi nel Regno Unito

Si tratta, per quanto riguarda la location di quelle argomentazioni, della riunione dei parlamenti nazionali in vista della COP26, ovvero la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Glasgow. E cosa è sato chiesto ai maturandi? “Di esporre le sue riflessioni circa i cambiamenti climatici e l’impatto che gli uomini possono avere nell’accelerare o nel rallentare questo processo”.

E di cose cruciali Parisi ne disse e come in quell’occasione: “L’umanità deve fare delle scelte essenziali, deve contrastare con forza il cambiamento climatico. Sono decenni che la scienza ci ha avvertiti che i comportamenti umani stanno mettendo le basi per un aumento vertiginoso della temperatura del nostro pianeta”.

La denuncia e i governi “non all’altezza”

E ancora: “Sfortunatamente, le azioni intraprese dai governi non sono state all’altezza di questa sfida e i risultati finora sono stati assolutamente modesti”.

La chiosa del professor Parisi era stata scientificamente senziente, non apocalittica, quindi se mai ancor peggiore: “Negli ultimi anni gli effetti del cambiamento climatico sono sotto gli occhi di tutti: le inondazioni, gli uragani, le ondate di calore e gli incendi devastanti, di cui siamo stati spettatori attoniti, sono un timidissimo assaggio di quello che avverrà nel futuro su una scala enormemente più grande. Adesso, comincia a esserci una reazione forse più risoluta ma abbiamo bisogno di misure decisamente più incisive”.

Contents.media
Ultima ora