Gruppi sanguigni rari: 0 positivo
Gruppo sanguigno 0 positivo: è raro?
Salute

Gruppo sanguigno 0 positivo: è raro?

0 positivo
0 positivo

Il gruppo sanguigno 0 positivo è il più raro? Chi ha questo gruppo sanguigno è donatore universale? Ma da chi può ricevere sangue? Scopriamolo.

Il gruppo sanguigno di una persona è determinato dagli antigeni presenti nei globuli rossi nel sangue. I gruppi sanguigni possibili sono di 4 tipi: A, B, AB e 0, ognuno dei quali può essere positivo o negativo. Il gruppo sanguigno può influenzare la vostra dieta ad esempio, persone con gruppo sanguigno 0 positivo tendono a manifestare una maggiore intolleranza al glutine.

Qual è il gruppo sanguigno più raro?

I gruppi sanguigni rari sono quelli che presentano un Rh negativo. In assoluto, il più raro è lo 0 Rh negativo. La distribuzione dei diversi gruppi sanguigni varia alle diverse parti del mondo. Sia in Europa che in Nord America prevalgono i gruppi 0 ed A. In Asia, invece, si ha una prevalenza del gruppo sanguigno B. Anche in Italia esistono differenze di distribuzione che variano da regione a regione.

Il gruppo 0 positivo, presente nel 40% della popolazione italiana, è quindi il più diffuso. Segue il gruppo A positivo con il 36% di diffusione.

Gli altri sono presenti in basse percentuali: lo 0 negativo lo si trova nel 7% degli individui, mentre il gruppo AB negativo è addirittura diffuso nello 0,5% della popolazione. Anche B negativo è scarsamente diffuso: lo possiede solo l’1,5% delle persone.

Donatore universale

Il gruppo 0 Rh positivo è considerato il donatore universale. Questo perché può donare a tutti coloro che possiedono qualsiasi altro gruppo sanguigno. Infatti, mentre il gruppo sanguigno A presenta l’antigene A, così come il B presenta l’antigene B e il gruppo AB presenta entrambi gli antigeni A e B, il gruppo 0 non ne possiede nessuno. Questo fa sì che possa donare liberamente ai gruppi A+, B+, AB+ e O+. In realtà non è proprio universale in quanto non può donare al gruppo 0-, che invece è a tutti gli effetti il donatore universale.

Gruppo sanguigno 0 positivo e patologie

Il gruppo sanguigno 0 Rh positivo non è affatto raro nella popolazione.

Infatti si calcola che sia diffuso nel 40% degli italiani, alla pari del gruppo A. Avere questo tipo di gruppo sanguigno può avere conseguenze sul tipo di alimentazione da seguire. In particolare esistono patologie connesse a questo gruppo sanguigno. Infatti, il gruppo sanguigno di una persona può influire su come elabora il cibo e sui bisogni nutrizionali. Le persone con il gruppo sanguigno 0 Rh positivo hanno spesso difficoltà a digerire il glutine.

Gruppo 0 positivo: da chi può ricevere?

Il gruppo 0 positivo può tuttavia ricevere solo ed esclusivamente da un donatore che abbia un gruppo sanguigno simile. Il fattore Rhesus positivo limita la donazione di questo tipo di sangue a persone con un fattore Rh positivo, indipendentemente dal tipo di gruppo sanguigno. Le persone con gruppo sanguigno 0 Rh positivo possono, dunque, ricevere sangue soltanto da donatori di gruppo 0, con Rh sia positivo che negativo.

Chi può donare

Il donatore e il paziente devono avare un gruppo sanguigno compatibile affinché la trasfusione abbia esito positivo.

Se non hanno compatibilità, possono verificarsi delle complicazioni, come occlusione delle vene o una reazione del sistema immunitario. Le persone con il sangue 0 positivo possono ricevere donazioni anche di sangue 0 negativo.

Alimentazione e gruppo sanguigno

Se amate la buona cucina, ma non volete rinunciare a salvaguardare la vostra salute, potere dare uno sguardo ai libri presenti nell’articolo, nei quali sono contenute tantissime ricette e combinazioni per i diversi gruppi sanguigni. I primi due sono stati scritti dal Dottor Pietro Mozzi, un guru dell’alimentazione salutare.

La dieta del dottor Mozzi. Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari

Seguendo le ricette riportate in questo libro è possibile regolarizzare pressione, valori ormonali e valori del sangue come glicemia e colesterolo. Inoltre è molto utile per chi vuole perdere peso senza soffrire sensazioni di stanchezza. Oggigiorno la dieta dei gruppi sanguigni è sempre più seguita da migliaia di persone, a testimonianza dell’efficacia di questo metodo.

Le ricette del dottor Mozzi.

Mangiare con gusto senza glutine, secondo i gruppi sanguigni

Il secondo libro invece riguarda particolarmente chi soffre di gonfiore e dolori dovuti alla celiachia. Con questo insieme di ricette si vogliono proporre al lettore tante ricette e piatti gustosi fatti di alimenti senza glutine. Ormai, oltre ad essere un problema che cresce sempre di più, tanti studi scientifici sull’alimentazione propongono di ridurre le quantità di glutine all’interno del regime alimentare.

Le mie colazioni per star bene. 32 ricette basate sul gruppo sanguigno

Se la mattina non saltate mai la colazione, pasto più importante della giornata, vogliamo proporvi queste 32 ricette basate sui gruppi sanguigni, ottime per rimanere in forma, rispettare il vostro corpo e mangiare con gusto. Con questo libro non rinuncerete di certo al piacere di fare colazione con la vostra famiglia o con i vostri amici.

La vera dieta dei gruppi sanguigni

Come abbinare e scegliere gli alimenti per raggiungere il peso ideale, vivere sani e in forma.

Il metodo dei gruppi sanguigni è così efficace che viene consigliato da moltissimi medici ed applicato con successo da migliaia di persone. Inoltre Peter D’Adamo è il creatore della famosa dieta dei gruppi sanguigni, uno dei metodi più efficaci per perdere peso e preservare la salute.

Come si fa a donare il sangue?

1 Commento su Gruppo sanguigno 0 positivo: è raro?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

bioshape
Wellness

Bioshape cos’è

di Notizie

Bioshape è l’innovativo sistema di Bios che avvalendosi delle più avanzate tecnologie garantisce ottimi risultati contro gli inestetismi della pelle.