×

Il mondo arabo e il riscatto sociale nel nuovo album di Ghali

Milano, 20 mag. (askanews) – Un album coinvolgente e innovativo, Ghali a distanza di più di due anni dal suo ultimo lavoro in studio, torna con Sensazione Ultra. “Semplicemente ho lavorato a nuova musica, mi sono rimesso subito in studio quando ho capito che non potevo più portare in giro Dna, questo disco non è altro che una collezione di tutti i lavori che ho fatto da quel momento fino ad oggi”.

Ghali ha all’attivo 45 dischi di Platino e 13 Oro, un successo meritato, nonostante tutta la fatica degli inizi. “La mia vita continua a cambiare tutti i giorni e grazie alla musica mi sono tolto tanti sassolini dalle scarpe, posso fare delle cose che non potevo fare prima e mi permettod delle cose che non potevo permettermi prima. È il riscatto, respiro ancora il riscatto del giovane rapper di Baggio che continua a salire sempre di più”.

Un album composto da 12 tracce che raccontano le sue due anime quella legata alla musica hip hop e quella più pop. Nei suoi testi mescola sapientemente l’uso dell’italiano, del francesce dell’inglese e soprattutto dell’arabo. “Ho sempre voluto lavorare a quel suono arabo, svilupparlo e portarlo sempre più avanti e lo porterò avanti come tutte le mie sfaccettature musicali che ormai conoscete”.

Nei testi di Ghali c’è tutto il suo mondo, la società e i sentimenti, che superano confini, barriere e pregiudizi ma anche molti riferimenti al mondo del cinema, dei fumetti e dei supereroi. “Io nasco Nerd, fan dei videogiochi, fan dei cartoni animati, dei giocattoli in generale, è una parte infantile che porto con me tutti i giorni e quando faccio musica si sente questa cosa, sono tutti nomi che mi girano in testa e mi capita spesso di citare cartoni animati”.

Ghali ha scelto di lavorare con artisti importanti ma anche di dare spazio ai giovani, la sua musica non è mai scontata, le collaborazioni fatte con attenzione, per un disco che si candida a essere uno dei successi dell’estate.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora