×

“Il nucleare è un must per uno sviluppo sostenibile”

default featured image 3 1200x900 768x576

125px-Flag_of_India.svgPer un paese come l’India, l’energia nucleare è un must sulla via di uno sviluppo sostenibile.

Ne è convinto Srikumar Banerjee, presidente della Commissione per l’energia atomica del grande paese asiatico. E lo ha ribadito durante una presentazione alla NML Foundation Day, una conferenza sul tema “Energia nucleare.  Le risposte ad alcune domande”.

“Paesi con bassissime intensità di CO2, con valor inferiori a 100 g di CO2 per Kwh, generano l’80 per cento e più della loro energia grazie all’acqua (Norvegia e Brasile), al nucleare (Francia), o a una combinazione di queste due fonti (Svizzera e Svezia).

All’estremo opposto di questa scala, i paesi ad alta intensità di CO2 (800 g di CO2 per kwh, e anche oltre) hanno un basso livello di combinazione di queste due fonti di energia nel loro mix (Cina e India) o addirittura nulla (Australia) .

Ognuna delle fonti di energia che l’uomo attualmente sfrutta hanno un impatto più o meno grave sull’ambiente: un aspetto importate nel valutare a quale fonte rivolgersi per soddisfare il bisogno di energia di un paese.

Secondo il presidente della Commissione indiana per l’energia atomica, sono cinque le domande a cui un paese delle dimensioni dell’India deve trovare una risposta nel predisporre un piano energetico nazionale: i) l’energia dev e essere a basso coso, abbondante, pulita e disponibile in modo distribuito; ii) deve puntare a raggiungere una capacità di generazione per capita di circa 5000 kwhr all’anno, entro l’anno 2050; iii) deve avere un mix energetico composto da fonti primarie o prioritarie; iv) deve sfruttare tutte le energie rinnovabili disponibili e avere un ciclo ad alta efficienza per i carburanti di origine fossile; v) la mitigazione dell’inquinamento e la conservazione dell’ambiente sono una priorità.

Contents.media
Ultima ora