Il Portogallo immetterà in titoli di stato 20 milioni di euro | Notizie.it
Il Portogallo immetterà in titoli di stato 20 milioni di euro
Economia

Il Portogallo immetterà in titoli di stato 20 milioni di euro

Il Portogallo si propone di vendere fino a 20 miliardi di euro di titoli per finanziare il rimborso del debito giunto a scadenza e per le necessità finanziarie di quest’anno. Sul fronte interno con un aumento delle tasse e il taglio dei salari cerca di convincere gl’investitori che è possibile restringere il suo deficit di bilancio, dopo che la crisi del debito greco ha portato ad una impennata degli oneri finanziari per i paesi indebitati in euro dallo scorso anno. L’Irlanda, nel mese di novembre è diventata il secondo paese dell’area dell’euro a cercare un salvataggio e il primo a chiedere l’aiuto della European Financial Stability Facility.
Le nazioni europee che hanno già venduto titoli per il finanziamento di quest’anno sono Francia, Belgio, Paesi Bassi e Malta, con la Germania che va in asta oggi. L’agenzia del debito dell’Austria ha annullato un’ asta prevista per l’11 gennaio, optando invece per la vendita attraverso un pool di banche a fine mese.

Il Portogallo, all’asta del 15 dicembre, ha visto quasi raddoppiare il tasso pagando il 3,403% dall’ 1,818% di novembre. “Non vedo alcuna ragione che questa asta, prevista da tempo, non debba essere effettuata”, ha detto Diogo Teixeira, chief executive officer per ottimizzare gl’investimenti Partners, una società con sede a Lisbona che gestisce 38 milioni di € in attività tra cui il debito pubblico portoghese. “Le condizioni di mercato non sono ottimali, ma sono stabili”. La differenza di rendimento tra le obbligazioni a 10 anni dei titoli portoghesi e i Bund tedeschi, secondo Europa benchmark s’, ha raggiunto un record nell’area euro. Era di 484 punti base l’11 novembre. La diffusione è stata a 370 punti base ieri. Un punto di base è di 0,01 punti percentuali. Il Portogallo non farà alcun rimborso di titoli fino ad aprile, poi i rimborsi che effettuerà sino al mese giugno raggiungeranno il valore di circa 9,5 miliardi di euro. L’agenzia del debito nazionale stima il fabbisogno lordo di finanziamento di quest’anno pari a circa 3 miliardi di euro in più rispetto al 2010, e prevede di vendere una nuova trance attraverso banche nel primo trimestre.
“La vera prova sarà un asta bond”, ha dichiarato Olaf Penninga, che aiuta a controllare 140 miliardi di € alla Robeco Group di Rotterdam. “ “Il Portogallo ha davvero bisogno di vendere una nuova trance, nel primo trimestre. Il Ministro delle Finanze, Fernando Teixeira dos Santos il 15 dicembre ha dichiarato che il governo sta prendendo le misure necessarie in modo che non avrà bisogno di chiedere ulteriori aiuti. Il bilancio 2011 comprende tagli di spesa più incisivi degli ultimi tre decenni. Nel mese di settembre, il governo ha dichiarato che avrebbe tagliato la massa salariale del 5% per i lavoratori del settore pubblico che guadagnano più di 1500 euro al mese, di congelare gli affitti e di aumentare l’IVA di 2 punti percentuali portandola al 23%, in modo di contribuire a ridurre il deficit che è pari al 9,3% del PIL del 2009.
Moody’s Investors Service, il 21 dicembre, ha dichiarato che il rating dei titoli del Portogallo possono essere declassati di uno o due livelli, perché i tagli di bilancio possono peggiorare l’economia del paese con una crescita economica più lenta. Moody’s ha tagliato il rating del Portogallo di due livelli da A1 il 13 luglio. Anche Standard & Poor’s il 30 novembre ha dichiarato che si può abbassare il rating del Paese, dopo aver già tagliato ad aprile da A+ aA-.
Il Portogallo conta sulle esportazioni, di prodotti di legno e carta per sostenere l’espansione economica più i tagli alla spesa. Il bilancio di previsione di crescita del PIL dell’ 0,2% nel 2011, è più lento di quello dello scorso anno che ha avuto un ritmo stimato dell’1,3%. La crescita economica del Portogallo è stato in media meno dell’1% all’anno negli ultimi dieci anni, uno dei tassi di crescita più deboli in Europa. Il paese nel 2009 ha avuto il più grande deficit tra le 16 nazioni dell’Eurozona, dopo Irlanda, Grecia e Spagna. Ha fissato un obiettivo di un deficit di bilancio dal 7,3% del PIL del 2010 al 4,6% nel 2011, e mira a raggiungere il parametro-limite dell’Unione europea del 3% nel 2012.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Diadora Tapis Roulant-Star 1000 Rigenerato
229 €
489 € -53 %
Compra ora
GUNA Rimedio di soccorso 10ml
8.79 €
Compra ora