×

Il post sulle donne della consigliera grillina la spinge a dimettersi

Il post sulle donne della consigliera grillina la spinge a dimettersi: Maria Paita riconosce l'errore, si scusa sui social e lascia l'assise di Carrara

Marzia Paita

Il post sulle donne della consigliera grillina di Carrara Marzia Paita la spinge a dimettersi, secondo quanto comunicato dai media locali e dallo stesso Presidente del Consiglio comunale Michele Palma. Il capo dell’assise civica carrarese ha dichiarato in merito: “Ho appreso con rammarico la notizia perché, al netto delle polemiche di questi giorni, nel suo ruolo di presidente di Commissione Marzia Paita ha svolto un lavoro egregio con impegno, passione e grande disponibilità.

Prendo atto di questa decisione, ricordando che le dimissioni dal ruolo di consigliere sono sempre una scelta di carattere personale”. 

Post sulle donne della consigliera grillina: sfogo Facebook su sesso orale e carriera

Ma di cosa aveva scritto la Paita, che in assise era in quota Movimento Cinque Stelle? Di donne, di sesso orale, di carriera femminile e di come a suo parere i tre fattori siano legati e consequenziali.

Il post su Facebook finito al centro della bufera era stato rimosso poco dopo, ma molti lo avevano “screenshottato” ed aveva avuto tutto il tempo di spandere clamore e generare disappunto:  “Per far carriera o mantenersela i p… vanno sempre di moda”. Non si è capito con chi ce l’avesse specificatamente la Paita, né, in quella fase, se vi fossero state circostanze specifiche che l’avevano spinta a scrivere quelle parole decisamente poco eleganti. 

La consigliera grillina e il post sulle donne: il precedente calcistico

Solo dopo un po’ si è capito che in merito a quell’uscita sessista si era trattato di uno “sfogo personale”, decisamente non in linea con la condotta social di una donna delle istituzioni e poco in linea con il bon ton. Pare che in termini di comunicazione social sbagliata perché troppo grossolana la ex consigliera Paita fosse una sorta di “recidiva”. Una volta, in occasione di una sconfitta, aveva fatto imbestialire e non poco i tifosi della squadra di calcio locale con una frase ironica sullo stadio dei Marmi e sui suoi cantieri: “Ma se la Carrarese perdeva… non era colpa dello stadio? Chiedo per un amico”. 

Quel post sulle donne della consigliera grillina nato da una “brutta esperienza familiare”

Ad ogni modo la consigliera aveva rimosso il post e motivato la sua uscita con un turbamento dovuto a questioni familiari: “In riferimento al post pubblicato sul mio profilo Facebook  devo fare le mie pubbliche scuse a tutti quelli che l’hanno letto, è stato uno sfogo sbagliato conseguenza di una brutta esperienza capitata in collegamento alle precarie condizioni di salute di mia madre”. 

Contents.media
Ultima ora