×

Il Regno Unito corre il rischio di rimanere senza benzina

Caos nel Regno Unito: i cittadini in preda al panico stanno assalendo i distributori di benzina e la Nazione rischia di rimanere senza carburante.

Inghilterra senza carburante

Lunghe code ai distributori delle stazioni di rifornimento e cittadini in preda al panico per paura di rimanere senza carburante: nel Regno Unito si è creata una situazione surreale a causa di una cattiva gestione dei trasporti.

Perché il Regno Unito è senza benzina?

È bene fare chiarezza: a mancare in Inghilterra non è la benzina in sé, quanto più i servizi a corredo responsabili del trasporto nelle stazioni di servizio adibite al rifornimento. In particolare, sono venuti a mancare molti camionisti impiegati nel trasporto di carburante, la stragrange maggioranza dei quali provenienti dall’Europa continentale. Il disguido sarebbe frutto di una cattiva programmazione e di una serie di decisioni governative derivate dalla Brexit

Regno Unito senza benzina: la paura fra i cittadini

Il panico nei cittadini sarebbe scoppiato a causa di alcuni dossier riservati che sono trapelati in seguito ad una riunione organizzativa. Il presidente della Petrol Retailers Association, Brian Madderson, ha così commentato l’accaduto:

«Questo è un problema causato da qualcuno che ha fatto trapelare un dossier riservato presentato a una riunione circa 10 giorni fa. Abbiamo avuto problemi di mancanza di autisti di autocarri per portare le autocisterne ai distributori, ma non era una situazione critica in quella fase».

Regno Unito senza benzina: il razionamento dei rifornimenti

Questa è una situazione da cui il Governo era stato messo in guardia e che poteva benissimo essere preventivata, ma che invece ha travolto tutto e tutti improvvisamente quando migliaia di camionisti hanno dovuto lasciare il Paese in seguito alla Brexit, provocando una mancanza cronica di autotrasportatori.

La crisi è scoppiata improvvisamente la settimana scorsa quando le società petrolifere hanno deciso di mettere in atto un razionamento dei rifornimenti destinati alle stazioni di servizio per problemi logistici, legati appunto al trasporto.

Quando la notizia ha iniziato a circolare, ha generato il panico tra i cittadini che hanno preso d’assalto i distributori svuotandoli, creando quindi una vera e propria mancanza di benzina.

Contents.media
Ultima ora