Il trucco negli anni '60 - Notizie.it
Il trucco negli anni ’60
Donna

Il trucco negli anni ’60

trucco

Mentre la moda femminile si trasformava in minigonne e stivali a tacco basso, anche lo stile del trucco divenne più audace.

Il trucco degli anni ’60 negli ultimi anni ha avuto un vero e proprio revival. Vediamo come ricrearlo con poche semplici mosse.

Il trucco negli anni ’60

Mentre la moda femminile, dolce e innocente degli anni ’50 si trasformava in minigonne e stivali a tacco basso, anche lo stile del trucco divenne più audace. La donna perdeva lo stile angelico degli anni precedenti per diventare più provocante e “scandalosa”. La chiave di volta degli anni ’60 fu libertà e auto consapevolezza. Alcune donne preferirono lo stile hippy e non si truccarono affatto. Ma quelle che lo facevano, tendevano a truccarsi veramente molto e in modo vistoso.

Il trucco aveva ormai preso il sopravvento, sia a livello culturale che commerciale. Le pubblicità riempivano le riviste di moda e le donne più alla moda diventano modelle per i principali brand del periodo. Non per niente icone di stile come Brigitte Bardot e Audrey Hepburn hanno saputo interpretare al meglio questo periodo influenzandone la moda e il gusto in modo indelebile e incancellabile.

Ma, vediamo nel dettaglio la cosmesi usata negli anni ’60 dalle donne.

Fondotinta

Ironicamente le donne usavano fondotinta molto pesanti per ottenere un aspetto “sano e naturale”. Il fondotinta era definito “traslucido” in quel periodo, e le donne lo usavano generosamente per migliorare la propria carnagione. Non si preoccupavano, come avviene oggi, di intonare il fondotinta al loro colore naturale. Le donne indossavano fondotinta scuri per ottenere un aspetto abbronzato stile California, oppure molto chiari per ottenere l’aspetto pallido che cominciava a spopolare a Londra.

Occhi

Negli anni ’60 il punto focale del viso era rappresentato senza dubbio dagli occhi. C’era un gran da fare per renderli più grandi e teatrali possibile. Le modelle del momento a Londra, come Twiggy, insegnarono alle signore ad indossare tonnellate di eyeliner nero tutto intorno agli occhi. Si usava anche talmente tanto mascara che le ciglia risultavano appiccicate tra loro, a ciuffi. Per un effetto ancora più sensazionale, si usavano ciglia finte, e si applicava il mascara anche a queste.

Ombretti

Tutto quell’eyeliner e mascara veniva illuminato da ombretti dai colori freddi e brillanti.

Le signore indossavano un solo colore di ombretto applicato generosamente dalle ciglia fino alle sopracciglia, i toni erano blu e verdi accesi. Non tutte le donne indossavano il fard, ma per chi ne faceva uso i colori erano di solito rosa pastello o corallo.

Rossetti

Il pastello era di moda anche per i rossetti. Molte donne usavano rossetti leggeri, femminili sfumature di rosa e lavanda, per focalizzare l’attenzione solo sugli occhi.

Stili cangianti e metallici

Un altro stile di trucco che fece presa all’epoca consisteva in sfumature cangianti e metalliche per occhi e labbra. Si cominciarono a vedere ombretti in stick cremosi, che consentivano dei colori più accesi e duraturi rispetto a quelli in polvere. Le donne usavano ombretti di colori perlati e iridescenti, come il bianco e il beige, sulle palpebre e le labbra. Usavano anche ombretti e rossetti che contenevano titanio con sfumature argento, oro e bronzo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche