×

Imparare a leggere i caratteri cinesi

default featured image 3 1200x900 768x576

Per un italiano, imparare il cinese può essere scoraggiante. Diversamente dalle lingue occidentali, la lingua cinese non utilizza un alfabeto. I caratteri cinesi sono utilizzati per formare parole. Inizialmente la maggior parte di questi “caratteri Han” erano pittogrammi, ora essi possiedono due forme di scrittura: la forma tradizionale – spesso sviluppatasi dai pittogrammi – e la forma semplificata – sviluppata negli anni ’50 e modellata sul Mandarino parlato.

Benché nei dizionari cinesi vi si siano ben più di 3.000 caratteri, conoscerne un tale numero è sufficiente per leggere quotidiani e riviste. Conoscere 6.000 caratteri permette ai lettori di leggere testi di letteratura e di comprendere materiale di carattere tecnico.

foto

Difficoltà: moderata
Istruzioni
1 Imparare i 12 tratti base.

Un carattere cinese può arrivare a contare più di 64 tratti, ognuno dei quali inserito all’interno di un quadrato immaginario. Diversamente dalle lettere dell’italiano, le quali possono estendersi sopra o sotto lo spazio usuale per la scrittura di un carattere in minuscolo, i caratteri cinesi occupano tutti approssimativamente lo stesso spazio, indipendentemente dal numero di caratteri che il compongono. Una volta imparati i punti, i tratti orizzontali, verticali, discendenti verso sinistra o destra e i tratti che vanno verso l’alto – così come i quattro differenti tratti ricurvi e i due tratti ripiegati – si può scrivere qualsiasi carattere cinese.

Il numero di tratti per ogni carattere aiuta ad organizzare l’inserimento dei caratteri nei dizionari.
2 Prestare attenzione alle sillabe. Ogni carattere rappresenta una sillaba. Il cinese ha meno di un quarto delle sillabe utilizzate in lingue quali l’inglese, quindi le medesime sillabe possono formare differenti parole. La stessa sillaba può, inoltre, assumere vari significati, in contesti diversi. Molti aggettivi e verbi cinesi sono monosillabici. Solo leggendo questi caratteri inseriti in un contesto se ne comprende il significato.
3 Combinare gli “hanzi” (???caratteri cinesi) per imparare nuovi vocaboli. Ogni carattere cinese agisce come una sorta blocco di forma pressoché quadrata che ha il compito di creare termini con due o più caratteri. Per esempio, i due caratteri che in cinese formano la parola “huoche” (??, treno) sono “huo” (?, fuoco) e “che” (?, veicolo). Allo stesso modo, i due caratteri della parola “huoshan” (??, vulcano) sono “huo” (?, fuoco) e shan (?, montagna). Imparare i caratteri più comuni rende più facile la comprensione di ciò che si legge.
4 Leggere da sinistra a destra quando i caratteri sono scritti orizzontalmente, da destra a sinistra e dall’alto verso il basso quando i caratteri sono scritti in colonne verticali. Mentre i caratteri cinesi tradizionali si scrivono in colonne verticali, i quotidiani vengono scritti in righe orizzontali dal 1956. Alcuni titoli di giornale vengono ancora scritti verticalmente, a fianco degli articoli stampati in orizzontale. Anche la segnaletica ufficiale è ancora scritta in verticale. Vari paesi che parlano cinese seguono norme culturali diverse. Per esempio, i testi scritti in verticale restano predominanti a Taiwan, dove gli articoli dei quotidiani sono scritti in colonne, ma i loro titoli sono in orizzontale.
5 Esercitarsi ogni giorno con un libro di testo come “Beginning Chinese Reader, Part. 1” di John De Francis. De Francis pone l’attenzione su come combinare i caratteri per formare le parole. Supportate il vostro studio leggendo quotidiani cinesi. Provate ad imparare nuove parole utilizzando il contesto. Usate un dizionario per verificare le parole, ma provate a non ricorrere ad esso per ogni nuova combinazione di caratteri che incontrate.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora