Implode la bolla africana. Previsti grandine e nubifragi
Implode la bolla africana. Previsti grandine e nubifragi
Meteo

Implode la bolla africana. Previsti grandine e nubifragi

implode bolla africana
implode bolla africana

Gli esperti lanciano l'allarme: violenti nubifragi in tutta Italia. Sardegna imbiancata dalla grandine. Ma l'estate 2018 resterà rovente

Mentre per molti italiani si stanno lentamente avvicinando le meritate ferie, dopo i giorni di caldo africano trascorsi in città ad occuparsi degli ultimi affari, aleggia lo spettro del crollo dell’anticiclone che rischia di chiudere in anticipo un’estate che per i tanti lavoratori è ancora tutta da iniziare. Ma gli esperti tranquillizzano i tardivi vacanzieri: il caldo non abbandonerà in nostro Paese, almeno per ora.

Un’estate rovente

La crescente instabilità meteorologica è il primo segnale d’indebolimento della bolla anticiclonica, quella terribile morsa che ha tenuto attanagliata tutta la penisola nelle ultime settimane del luglio di questa rovente estate 2018. Le infiltrazioni di aria fresca proveniente dal centro Europa porteranno un po’ di sollievo nelle notti insonni degli italiani accaldati. Ma lo scontro delle correnti fredde con l’anticiclone africano preoccupa gli esperti meteorologi che allertano sul rischio di fenomeni temporaleschi con grandinate, anche forti.

Previste abbondanti precipitazioni

Le perturbazioni nel weekend tra venerdì e domenica 5 agosto interesseranno tutto il territorio nazionale, dalle Alpi alle Isole.

I temporali nasceranno proprio su tutti i settori alpini, con fenomeni di maggiore intensità sulle Alpi orientali. Una volta attraversato l’arco alpino sarà inarrestabile: si estenderà verso alcune aree della Pianura Padana, lungo l’Appennino e via via fino all’Emilia, alta Toscana, Firenze e grossetano. Allertate anche le regioni del Centro Sud, si prevede una forte attività temporalesca su Lazio, Campania – a Napoli si prevedono grandinate con chicchi di grosse dimensioni – e poi Puglia, Basilicata e Sicilia.

Grandine in Sardegna

E alcune immagini in diretta dalla Sardegna fanno sentire sempre più vicino il prossimo Natale. Già virale il video della forte grandinata che ha letteralmente imbiancato il suolo sardo, meta estiva di tanti turisti nostrani e stranieri.

I video dell’eccezionale grandinata sono stati girati sull’altopiano di Campeda, in provincia di Nuoro. Qui sono piovuti, nella giornata di giovedì 2 agosto, grossi chicchi di grandine che hanno ricreato l’anacronistica immagine delpaesaggio innevato. In poche ore la temperatura è precipitata da 35 a 12 gradi.

E grossi sono stati i disagi per automobilisti e residenti.

Matera: allagata la città dei sassi

Matera: uomo rischia la vita

Allerta meteo in tutti Italia: in Basilicata un violento nubifragio ha investito la città di Matera, provocando forti allagamenti e disagi, aggravati nelle zone più basse della città di tufo.

Due ore di precipitazioni, nel pomeriggio del 3 agosto, hanno inondato bar e locali turistici in piazza San Pietro Caveoso. L’acqua ha invaso tutte le vie della città provocando frane e smottamenti: in via La Martella si è registrato uno smottamento nei pressi di una panetteria e in diverse zone sono caduti alberi ad ostruire le strade inondate.

Un uomo rischia la vita

A Matera un uomo è stato trascinato dalla furia dell’acqua delle strade trasformate in fiumi mentre cercava di raggiungere la propria auto. Fortunatamente ha riportato solo qualche lieve contusione

Niente calo di temperature

Ma niente di definitivo assicurano gli esperti: “non assisteremo ad un corposo calo termico, ci sarà solo un po’ di temporaneo refrigerio durante le precipitazioni più intense” dicono.

Insomma per la fine dell’anticiclone che sta arroventando l’Italia da giorni si dovrà attendere ancora un po’. I più fortunati potranno godere delle ultime settimane d’estate dall’ombrellone. Per gli altri tenete duro, non durerà a lungo. Parola di meteorologo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche