×

Imprese: Business International, ancora strada da fare per innovazione digitale

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 14 giu. (Labitalia) – Quella che si affaccia all'era post-covid19 è un'Italia che cambia, ma che per abbracciare davvero la trasformazione digitale in atto ha ancora tanta strada da fare. Se, infatti, lo smart working rimane ormai un caposaldo delle strategie di business anche per il futuro, l’impresa del nostro Paese sembra rimanere molto più propensa all'outsourcing anziché all'investimento di risorse per lo sviluppo e l'innovazione, l'automazione e la robotizzazione della propria attività.

E’ questa la fotografia che emerge dai dati raccolti nel report 'Business Leaders Survey', realizzato da Business International – Fiera Milano Media per analizzare il reale stato dell’arte dell’impresa italiana vista dai suoi manager di prima linea. La ricerca, realizzata tra il mese di aprile e il mese di maggio 2021 su un campione di oltre 200 manager attivi in alcune delle più importanti società di medie e grandi dimensioni operanti in Italia, ha mostrato qual è il sentiment e quali sono le prospettive secondo i direttori finance, Hr, procurement, sales, marketing e del risk management del nostro Paese ed è stata presentata ieri nel corso dell’opening conference di Business Leaders, la grande manifestazione digitale dedicata ai C-level del futuro, prevista fino al 18 giugno 2021 e organizzata da Business International – Fiera Milano Media.

Uno spaccato, quello emerso dai dati della Business Leaders Survey, che ha dato il via a un dialogo costruttivo iniziato nella giornata di ieri con un’opening conference aperta da un intervento di Luca Palermo, amministratore delegato di Fiera Milano, e poi proseguito con una tavola rotonda, moderata da Carlo Antonelli, amministratore delegato di Fiera Milano Media, che ha visto tra i suoi protagonisti anche Amit Loyd Augustine, autore del libro 'Post Pandemic Workforce Trasformation', Giulio Deangeli, studente dei record, Neuroscienziato Phd University of Cambridge, Paolo Verri, Executive director Ocean Race del Comune di Genova, Marina Salamon, presidente di Doxa, e Elena David, consigliere indipendente Fideuram Intesa San Paolo Private Banking.

Da oggi iniziano, quindi, i summit che compongono il Business Leaders, la grande manifestazione digitale dedicata ai C-Level del futuro che, tra l’altro, quest'anno assume un carattere ancora più innovativo e rivoluzionario, grazie all’inedita e importante collaborazione con Coderblock, la piattaforma dedicata alle esperienze virtuali che consentirà ai visitatori dei padiglioni di creare il proprio avatar e quindi girare tra gli stand degli espositori, consultare le aree informative e i palchi di ogni singolo evento, in un'ambientazione immersiva e phygital tutta da provare.

Inizierà, così, il Cpo Live Summit (15 giugno), seguito poi da Cfo Live Summit (16 giugno), Hr Directors World Live Summit (17 giugno), Head of Sales (18 giugno) e Global Risk Forum (18 giugno). Una serie di appuntamenti che si avvarranno anche della presenza di importanti personalità del mondo accademico, scientifico e filosofico a livello nazionale e internazionale, come Markus Gabriel, professore ordinario di filosofia teoretica all’Università di Bonn in Germania, Francesco Saraceno, professore di macro­economia internazionale ed europea presso il Sciences Po di Parigi, Joseph Sarkis, International Expert in Supply Chain Management e Sustainability Professor of Management al Worcester Polytechnic Institute, Alessandro Franceschetti, Head of Structural Engineering di Luna Rossa Prada Pirelli Team, e Lance Rubin, esperto internazionale di digital finance.

Contents.media
Ultima ora