×

Imprese: Business International, per 1 manager su 4 resilienza resterà qualità cruciale

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 14 giu. (Labitalia) – Ancora forse troppo concentrati sul resistere alla crisi, quasi un manager su quattro (23,7%), in Italia, pensa che anche per il futuro la resilienza, la flessibilità e la tolleranza allo stress saranno qualità cruciali per il successo, ponendo invece la creatività, l’originalità e l’iniziativa al secondo posto (16.3%).

Una scelta, questa, sicuramente dettata da quella sensazione di grande incertezza che le aziende continuano a vivere anche in Italia e che, unita a un lungo periodo di distanziamento sociale e necessaria riorganizzazione delle attività, fa porre l’attenzione in terza posizione su Team work e il time management (10%), seguiti poi a pari merito da formazione e apprendimento continuo (9%) e Critical thinking e predictive analytics (9%). E’ quanto emerge dai dati raccolti nel report 'Business Leaders Survey', realizzato da Business International – Fiera Milano Media per analizzare il reale stato dell’arte dell’impresa italiana vista dai suoi manager di prima linea.

Mentre più giù in classica troviamo proprio quelle competenze tecniche che le aziende faticano a trovare sul nostro mercato, come la data analysis e l’innovazione (8.7%), technology use/design, computational thinking & programming (2.7%).

L’ultimo aspetto, inoltre, che fa capire quanta strada probabilmente ci sia ancora da fare è il fatto che skill come la leadership e la social influence (8%), il problem solving (7.6%) e l’Intelligenza emotiva (4,8%) che rappresentano oggi le chiavi di una buona governance che sappia mettere al centro le persone, interpretare e gestire le situazioni, oltre che ispirare il proprio team di lavoro, risultino in fondo alle competenze desiderate dai C-level per affrontare i prossimi mesi.

Contents.media
Ultima ora