> > Incendio in ditta smaltimento rifiuti: fiamme alte 10 metri

Incendio in ditta smaltimento rifiuti: fiamme alte 10 metri

incendio ditta macerata

Il vasto incendio ha colpito un'azienda di Macerata. L'Arpam sta conducendo analisi per monitorare la qualità dell'aria.

Vasto incendio in un’azienda di Macerata, la Orim di Piediripa, che opera nel campo dello smaltimento di rifiuti.

Le fiamme e il fumo sono stati visibili, per buona parte del pomeriggio di venerdì 6 luglio, a centinaia di metri di distanza. Immediato l’intervento, con mezzi ingenti, dei Vigili del Fuoco che hanno spento la combustione. Al momento, non ci sono né feriti né morti. L’Arpam sta svolgendo analisi di monitoraggio dell’aria.

Incendio in una ditta di Macerata

Paura a Macerata, nel pomeriggio di venerdì 6 luglio.

Un vasto incendio si è sviluppato in un’azienda della città, la Orim di Piediripa. La ditta è specializzata nella lavorazione di rifiuti speciali. La combustione, che ora è stata domata dai Vigili del Fuoco, ha iniziato a propagarsi nello stabilimento verso le 16.30. Le immagini diffuse sono impressionanti: le fiamme altissime e la densa colonna di fumo nero sono stati visibili a chilometri di distanza dalla zona industriale di Piediripa, dove ha sede l’azienda.

Non sono ancora state ricostruite con precisione le circostanze che hanno causato l’incidente. Prima che l’incendio divampasse, sono state uditi dei forti boati, forse derivati dall’esplosione di taniche contenenti materiali speciali da smaltire, riferisce l’Ansa.

Incendio spento

Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco, arrivati sul posto con 23 mezzi provenienti anche da Ancona, Ascoli e Pesaro. I pompieri hanno svolto le operazioni di contenimento della fiamme, per poi spegnerle definitivamente, in condizioni estremamente rischiose.

Frequenti i cedimenti nello stabilimento (due capannoni su sei sono stati distrutti) e le esplosioni dei fusti con solventi. Tutti gli edifici intorno all’azienda sono stati inizialmente evacuati, per poi chiudere la strada. Sul posto presenti anche i mezzi del 118- non risultano esserci feriti o deceduti, come già precisato-, oltre ai Carabinieri e al sindaco di Macerata, Romano Carancini. Il primo cittadino ha allertato gli abitanti della città marchigiana tramite Facebook: “Incendio a Piediripa: in via precauzionale, restate a casa e chiudete le finestre.

Limitate gli spostamenti. Non raccogliete materiale rinvenuto a terra di alcun genere né colture”. I consigli dati dal sindaco Carancini sono stati dettati dalla preoccupazione dei danni, anche ambientali, che può causare un incendio in un’azienda che tratta rifiuti speciali, con la dispersione dei fumi nell’aria. La Sala Operativa Integrata (Soi) è stata attivata, mentre l’Arpam ha effettuato dei campionamenti dell’aria. Secondo i primi riscontri, non risultano esserci rischi rilevanti, scrive l’Ansa.

Le misure precauzionali

Il prefetto Roberta Preziotti, che presiede il Soi, ha dichiarato che “la situazione della Orim Piediripa è sotto controllo e l’incendio è stato spento”, riferisce il sito web di Cronache Maceratesi. Il prefetto ha inoltre annunciato che la Sala Operativa Integrata continuerà a riunirsi e a fornire con costanza informazioni alla cittadinanza, “fino a quando l’Arpam, che sta già effettuando i rilevamenti, non darà risultati certi. Nel frattempo è necessario usare misure precauzionali come, ad esempio, non mangiare verdure crude”. Un primo aggiornamento informale è arrivato dal sindaco di Macerata, sempre tramite il social network Facebook: “La fase critica è stata superata, potete riaprire le finestre- scrive Romano Carancini- Raccomando però di non consumare frutta e verdura raccolta nelle aree interessate in attesa del risultato delle analisi, che verrà reso noto il più presto possibile”.