×

Incendio in via Antonini a Milano: chi è Sam Nabi, il 32enne eroe della Torre dei Mori

Sam Nabi è l'uomo che ha bussato a tutte le porte del condominio in Via Antonini per avvisare i condomini dell'incendio. Vediamo meglio chi è

Chi è Sam Nabi, l'eroe dell'incendio a Milano

L’incendio avvenuto in Via Antonini a Milano nel pomeriggio di domenica 29 agosto ha sconvolto l’intera città, fortunatamente senza causare morti o feriti tra i suoi condomini. Questo grazie anche all’intraprendenza di uno dei suoi inquilini, Sam Nabi.

Vediamo meglio chi è. 

Sam Nabi: chi è

Sam Nabi è un uomo di 32 anni che nel pomeriggio di domenica 29 agosto è stato in grado di salvare la vita di molti condomini grazie alla sua presenza di spirito.

L’uomo, di origini persiane, si è accorto quasi subito dell’incendio e insieme alla sua compagna Valentina e al cagnolino Bruce sono corsi fuori dal loro appartamento in Via Antonini, bussando e suonando il campanello degli altri abitanti del condominio mentre lasciavano l’edificio. 

Il loro gesto ha probabilmente salvato la vita di molte persone, e da molti è stato rinominato l’eroe di Via Antonini. 

Sam Nabi: il lavoro

L’uomo, originario dell’Iran, è in Italia da alcuni anni, e qui svolge la professione di consulente tecnico al Tribunale di Milano. 

Domenica pomeriggio era a casa insieme alla sua compagna Valentina quando l’incendio è partito nel suo condominio, e in poco tempo è riuscito a scappare fuori dalla sua abitazione, portando con sé anche il cagnolino Bruce. 

Sam Nabi: l’incendio in Via Antonini

La Torre del Mori, l’edificio in cui abitavano circa 70 famiglie, è andato a fuoco in pochissimo tempo nel corso di domenica 29 agosto. 

Anche se la cusa scatenante dell’incendio non è ancora certa, molto probabilmente questo è stato provocato da un cortocircuito a un qualche elettrodomestico posto in uno degli appartamenti del quindicesimo piano. 

I soccorsi sono subito intervenuti e hanno portato in salvo tutti i condomini.

Le operazioni per spegnere l’incendio sono però durate molte a cauda della vastità e della potenza del fuoco, e l’intero condominio è bruciato, e così tutto quello che conteneva. 

Sam Nabi: la rabbia dopo la tragedia

I condomini, che adesso sono alloggiati in un albergo non molto distante dalla Torre del Mori, dopo i primi momenti di sconforto, adesso sono comprensibilmente infuriati dopo aver visto tutta la loro vita andare in fumo. 

L’edificio, che ha appena una decina di anni, era stato venduto come ingnifugo e con tutte i dispositivi anti incendio di ultima generazione.

Questo però è chiaramente falso, visto la facilità e la velocità con cui l’intero condominio è bruciato. 

I tecnici sono già arrivati sul posto e hanno cominciato i rilievi, per capire cosa abbia scatenato l’incendio. 

Contents.media
Ultima ora