> > Incendio a Londra: Adele disperata porta soccorsi in strada

Incendio a Londra: Adele disperata porta soccorsi in strada

Adele

Con l'incendio avvenuto alla Grenfell Tower Adele è scesa in strada, cercando di rendersi utile. Le foto della cantante disperata in giro sui social.

L’incendio

Nella notte tra martedì e mercoledì la Grenfell Tower a Londra è stata distrutta da un incendio. E’ successo tutto all’improvviso e tutt’ora non se ne conoscono le cause. Al momento si contano 30 morti – fra questi anche due italiani -, alcuni ancora da identificare. 24 persone sono, inoltre, ancora ricoverate in condizioni critiche. Tragica e triste la telefonata fatta alle 3 di notte proprio dalla giovane donna della coppia italiana: “Grazie per tutto quello che hai fatto per me, mamma” E’ un’incidente che, in un momento di forti paure per attacchi terroristici, scuote ancor di più animi inquieti.

Non è passato molto tempo dall’attentato di Manchester e ora Londra fa soffrire e preoccupare di nuovo. Il primo ministro May ha aperto un’inchiesta per scoprire le cause dell’incendio. Adele, la famosa cantante britannica, non era presente a Londra all’attentato di Westminster, ma stavolta c’era e ha provato a dare una mano.

Le foto di Adele

Sui social network si diffondo foto di Adele struccata, vestita in maniera modesta, e soprattutto agitata per l’accaduto.

Appena saputa la notizia, la cantante è scesa in strada accompagnata dal marito per portare (per quanto possibile) un po’ d’aiuto. Secondo altre fonti, però pare che Adele, in abito lungo nero e scalza, si sia presentata così alla cerimonia di commemorazione per le vittime dell’incendio. In ogni caso, non era di certo una visita programmata, ufficiale. Non era una cosa fatta per farsi pubblicità. Era un gesto sentito, fatto perché aveva capito la disperazione del momento e lei stessa, nelle foto scattate, sembra disperata e in cerca di un appiglio, di fare qualcosa di utile.

La cantante si sente molto legata alla sua terra natale e cerca sempre di esserci in ogni momento critico. Per questo rimase estremamente dispiaciuta quando le venne data la notizia dell’attentato di Westminster mentre lei era in tour. In quell’occasione la lontananza non le permise di attivarsi in prima persona.

In cerca di soluzione

Con l’inchiesta aperta dal primo ministro May dovranno essere chiarite due cose fondamentali: la causa e la dinamica dell’incendio.

Ovviamente la cosa più importante è scoprire se si tratta o meno di incendio doloso e, nel caso non si tratti di un incidente, bisognerà poi attivarsi per scoprire chi ha fatto tutto questo. I dispersi, i feriti e i morti non identificati crescono sempre di più, man mano che le macerie vengono scandagliate. Una tragedia di questa grandezza sarebbe un dolore per qualsiasi città, ma per Londra e per il Regno Unito è un’ustione che si aggiunge a un corpo già piagato. Adele disperata per le strade di Londra è il simbolo del sentimento comune di ogni cittadino britannico. Sono terrorizzati, ma non sconfitti: per quanto la paura possa prenderli per qualche momento, prevale sempre la voglia di darsi da fare per trovare un soluzione e sistemare le cose. Speriamo, perciò, che le loro aspettative non vengano deluse e che anche Adele possa vedere che la sua apprensione non è stata gettata al vento.

(Anche la Regina Elisabetta e il Principe William sono stati vicini a chi è stato colpito dalla tragedia. Vedi “Londra, incendio Grenfell Tower: visita della regina e William, vittime salgono a 30“)