×

Treno deragliato Pioltello: tre donne morte

Grave incidente ferroviario avvenuto questa mattina in provincia di Milano. Un treno è deragliato a Pioltello: è salito a 3 il numero delle vittime.

Treno deragliato

Grave incidente ferroviario avvenuto a Pioltello, in provincia di Milano, questa mattina intorno alle 7. In particolar modo, un convoglio di Trenord, proveniente da Cremona, è deragliato alle 6.55, proprio poco prima di giungere alla stazione di Lambrate. Testimoni hanno raccontato di un improvviso e forte rallentamento e successivamente la fermata del treno. Un uomo, intervistato da Tgcom, ha dichiarato che il treno si è completamente accartocciato sul palo. Un primo bilancio parla di almeno due morti e una decina di persone ferite, di cui cinque in gravi condizioni. Inoltre, si contano anche una cinquantina di contusi.

Treno deragliato a Pioltello

Momenti di tremenda paura questa mattina a Pioltello, in provincia di Milano, dove un treno è deragliato. L’incidente ferroviario è avvenuto poco prima delle 7 (alle 6.55, per la precisione) e ha visto coinvolto il convoglio di Trenord 10452 proveniente da Cremona, che è deragliato poco prima di arrivare alla stazione di Lambrate.

Un primo bilancio parla di diversi feriti, almeno una decina, di cui cinque gravi (trasportati in ospedale in codice rosso), e due morti. Inoltre, si contano anche una cinquantina di contusi. Per questo motivo, sul luogo dell’incidente sono presenti numerose ambulanze e anche mezzi dei vigili del fuoco.

In particolar modo, il treno che è deragliato, carico di pendolari, è uscito dai binari all’altezza di Seggiano di Pioltello, in provincia di Milano. Secondo quanto raccolto fino a questo momento, sarebbero rimaste coinvolte diverse carrozze, con alcuni passeggeri che sarebbero rimasti incastrati. Nel frattempo, vengono registrati forti ritardi su tutta la tratta Milano-Venezia. Lo ha comunicato Trenord tramite una nota apparsa sul proprio sito online, in cui viene spiegato che “a causa di un inconveniente di esercizio in prossimità della stazione di Pioltello, che richiede un necessario intervento delle autorità competenti, la circolazione è al momento interrotta tra le stazioni di Treviglio e Milano”.

Le prime testimonianze

Intanto cominciano ad arrivare le prime testimonianze di persone che hanno assistito a questo tragico incidente ferroviario.

Un testimone, infatti, intervistato da Tgcom, ha spiegato che il treno coinvolto nell’impatto si è Treno deragliato

completamente accartocciato su un palo. Come già accennato in precedenza, il convoglio proveniva da Cremona ed era diretto alla stazione di Porta Garibaldi. Secondo gli ultimi aggiornamenti raccolti, la polizia ha confermato che le vittime sono due, mentre il numero di feriti gravi è salito a quota dieci. Cento invece sono le persone che sono rimaste ferite ma in maniera lieve. L’ospedale di Monza ha deciso di sospendere tutti gli interventi non urgenti, in attesa dell’arrivo dei tanti feriti a causa dell’incidente ferroviario.

Diverse persone, secondo quanto raccolto fino a questo momento, sarebbero ancora incastrate tra le lamiere. I vigili del fuoco, infatti, sono ancora al lavoro per cercare di librare cinque o sei persone che sono rimaste bloccate. Ma non è escluso che in realtà ce ne siano di più. Trenord intanto ha fatto sapere che le cause che hanno provocato l’incidente devono ancora essere accertate con chiarezza.

Gli ultimi aggiornamenti

E’ salito a tre il numero di persone che hanno perso la vita a causa del treno deragliato a Pioltello. Inizialmente si era parlato di due vittime, ma il bilancio si è ulteriormente aggravato. I soccorritori del 118 hanno informato che i feriti sono un centinaio e una decina in gravi condizioni trasportati in ospedale in codice giallo. I vigili del fuoco sono comunque ancora al lavoro per cercare di estrarre le persone che sono rimaste incastrate sotto le lamiere.

Nel frattempo sono arrivate le prime parole del questore di Milano, Marcello Cardona, che appena arrivato sul Treno deragliatoluogo in cui è avvenuto l’incidente ha commentato quanto accaduto. Il Questore ha spiegato di aver individuato un cedimento tra vagoni. Ma comunque sono ancora in corso tutti gli accertamenti necessari per stabilire con certezza quello che è avvenuto. Il Prefetto di Milano, Luciana Lamorgese, ha dichiarato: “Sembra sia una questione strutturale, un cedimento dello scambio”.

L’ipotesi del cedimento strutturale viene confermata anche da Raffaele Cattaneo, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, che su Facebook ha scritto: “Non si conoscono ancora le cause dell’incidente, ma dalla dinamica sembra essersi trattato di un cedimento strutturale della rete o del convoglio in uno dei punti più trafficati della rete ferroviaria lombarda, da cui passano circa 500 treni al giorno”.

Le vittime

Si era parlato anche di una quarta vittima, ma per il momento il bilancio ufficiale è di tre persone che hanno perso la vita. Si tratta tutte di donne. Cinque invece sono i feriti gravi e quarantuno i contusi. Sono questi dunque i numeri ufficiali in base agli ultimissimi aggiornamenti. In particolare, si conoscono le identità di due delle tre vittime. Si tratta di Pierangela Tadini, cinquantuno anni, originaria di Caravaggio ma residente a Vanzago (Milano) e Giuseppina Pirri, trentanove anni, di Cernusco sul Naviglio. Per quanto riguarda la terza vittima, l’identificazione è ancora in corso a causa delle condizioni del corpo. Anche se comunque alcuni elementi coincidono con i dettagli forniti da un parente.

Scrivi un commento

300
Caricamento...

Leggi anche