Incidente mortale su Grande Raccordo Anulare: una vittima
Incidente mortale su Grande Raccordo Anulare: una vittima
Cronaca

Incidente mortale su Grande Raccordo Anulare: una vittima

Incidente sul Raccordo

Incidente mortale sul Grande Raccordo Anulare, dove un uomo di 46 anni che viaggiava a bordo di uno scooter, si è scontrato con un pesante autocarro.

Incidente mortale sul Grande Raccordo Anulare, in prossimità dell’uscita Aurelia, intorno alle 14 di mercoledì 11 aprile. A perdere la vita, è stato un uomo di 46 anni del quale si conoscono solo le iniziali, B. M. Sono intervenuti i sanitari del 118 e la Polizia Stradale di Settebagni, per ricostruire la dinamica dei fatti.

La vittima era bordo del suo scooter Honda Sh 150 e si è scontrata con la parte posteriore di un autocarro Mercedes. Gli agenti sostengono che avesse cercato avventatamente di sorpassarlo, ma stanno ancora indagando.

GRA

I dettagli

Il mezzo contro cui è avvenuto l’impatto dello scooter pesa 3 tonnellate e quello guidato dalla vittima contro il guard rail che divide le due carreggiate stradali.

Incidente GRA

L’uomo che era a bordo del motociclo è parso subito in gravi condizioni e si è spento in ambulanza durante il trasporto in ospedale l’Aurelia Hospital. Il Grande Raccordo Anulare (GRA) o autostrada A90, celeberrima strada ad anello che circonda Roma e senza pedaggio, è considerata, insieme all’Aurelia in particolare, il percorso più pericoloso d’Italia.

A dirlo è l’ANAS, che anche in questo caso è intervenuta sul luogo della tragedia, avvertendo poi che la carreggiata dov’era avvenuto il tremendo sinistro, è stata riaperta. Per diverso tempo si sono registrate code tra le uscite “Roma – Fiumicino” ed “Aurelia”.

La dichiarazione dell’ANAS

Da anni l’ANAS avverte sulla pericolosità del Grande Raccordo Anulare – su cui transitano quotidianamente 150 veicoli – tra fatto confermato anche da un rapporto del 2015 stilato ministero dei Trasporti in collaborazione con numerosi enti che si occupano di sicurezza stradale e statistiche, primi fra tutti l’ACI e l’ISTAT. Sul GRA, in un anno si sono già verificati addirittura 732 incidenti, che hanno causato in tutto 16 vittime ed oltre mille feriti. Per cercare di contrastare questi fenomeni, l’ANAS, nella persona del suo presidente, Pietro Ciucci, aveva annunciato nel 2010 l’installazione di tutor stradali, come ce n’erano già altrove, ma non partiranno se non dal giugno prossimo con un tutor ogni 8,5 chilometri.

Sul GRA controllerà entrambe le carreggiate, tra le uscite Bufalotta e Laurentina. Il macchinario sarà in grado di misurare contemporamente la velocità media di ciascuno veicolo su tutte le corsie.

All’A90 segue per grado di pericolosità l’Aurelia. Non è mai abbastanza dunque l’attenzione quando si percorrono strade simili e comunque a breve ci saranno nuove agevolazioni per cercare di scongiurare ulteriori incidenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Wonderbox Italia S.R 3 Giorni Da Favola In Europa
299.9 €
Compra ora
Beafon C50 Classic Line Dual-SIM Bianco - White
32 €
Compra ora
Harry Potter: Scacchiera dei Maghi
52.43 €
Compra ora
Vileda Robot Aspirapolvere VR 301
169.9 €
Compra ora