×

Incidente sul lavoro, muore operaio 19enne a Brescia

Incidente sul lavoro, terribile tragedia a Brescia. Un ragazzo 19enne, figlio del titolare, è morto dopo essere stato schiacciato in un tornio

default featured image 3 1200x900 768x576

Incidente sul lavoro, la vita, ancora una volta, dimostra quanto può essere crudele ed ingiusta. Un operaio, di soli 19 anni, è morto dopo essere rimasto schiacciato in un tornio proprio sotto gli occhi del suo padre e titolare. Il dramma è accaduto nella notte tra mercoledì 17 e giovedì 18 novembre, durante il turno notturno alla Elettrotecnica Lg di Rovato.

Il giovane è stato subito soccorso e portato all’ospedale Civile di Brescia, ma le condizioni della vittima erano già molto gravi e compromesse.

Incidente sul lavoro Brescia

Una vita si è spenta. Una vita di un ragazzo di soli 19 anni, che aveva tutto il futuro di fronte a sé. E, di fronte a lui, in quel momento drammatico, c’era anche suo padre. Luca Lecci era un giovanissimo operaio che lavorava nella ditta del padre Fontano, la Elettrotecnica Lg di Rovato.

Nella notte tra mercoledì 17 e giovedì 18 novembre era in servizio nel turno notturno. Il giovane è rimasto incastrato con una manica del maglione nel tornio, che non si è fermato. Inevitabilmente, Luca Necci è rimasto schiacciato. Il primo a soccorrerlo è stato il padre. Fonatano Necci aveva assistito alla scena e aveva cercato, senza riuscirci, di fermare il tornio. Poi sono giunti i soccorsi, che lo hanno portato all’ospedale Civile di Brescia.

Ma le condizioni del povero e sfortunato ragazzo erano apparse fin da subito gravissime. Durante la notte, la linfa vitale ha abbandonato il corpo del povero Luca Necci.

incidente sul lavoro

Incidente sul lavoro precedente

Purtroppo, questo fatto ci rimanda ad un altro incidente sul lavoro, che è successo pochi mesi fa alla fine di ottobre. In quel caso, un operaio marocchino di 41 anni, sposato e padre di tre bimbi, è morto per essere stato travolto da una bobina di acciaio. Sullo sfortunato operaio, il cui nome è Abd Essamad, sono piombati 950 kg.
Il dramma si è svolto all’alba. Il povero operaio stava slegando una bobina d’acciaio. Questa, però, gli è caduta addosso, schiacciandolo dalla vita in giù. Nessuno l’ha sentito chiamare aiuto. Ad accorgersi di quanto successo un suo collega, che era di turno con il 41enne marocchino. Ma si è accorto del fattaccio perché da parecchi minuti Abd Essamad non si faceva vedere. Il collega, a quel punto, avrebbe cominciato a cercarlo. Poi, la terribile scoperta. L’allarme è scattato poco prima delle 6. La macchina dei soccorsi si è mossa in modo molto rapido, ma per lo sfortunato operaio non ci sarebbero più state speranze di sopravvivere all’incidente che si sarebbe rivelato fatale.

Abd Essamad era un operaio esperto, hanno dichiarato i suoi colleghi. Il 41enne marocchino lavorava da tempo nello stabilimento, nel quale vengono prodotte ruote in acciaio per macchine agricole. La notizia del tragico incidente si è diffusa in modo rapido nella zona, in particolare tra i membri della comunità marocchina, i quali si sono precipitati fuori dai cancelli dell’azienda.

Contents.media
Ultima ora