×

Inflazione, la FED intende proseguire con la linea dura sui tassi

L'inflazione è ancora alta e la Federal Reserve farà tutto quanto indispensabile ricondurla ai valori desiderati, ma ci vorrà del tempo.

pexels john guccione wwwadvergroupcom 3531895 768x512

Gli addetti ai lavori hanno prestato molta attenzione alle parole dei funzionari della FED durante il congresso annuale di J Hole, alla ricerca indizi che rivelassero quanto la banca centrale sia ancora coinvolta nella lotta all’inflazione, malgrado i timori per i costi riferibili alla crescita e all’occupazione.

Le parole di Powell durante il simposio di venerdì è stato conciso, esplicito e diretto: l’inflazione è ancora alta e la Federal Reserve farà tutto quanto indispensabile ricondurla ai valori desiderati, ma ci vorrà del tempo.

Ciò significa che gli investitori, le imprese ed il retail in generale dovranno accettare tassi di interesse elevati per un lungo periodo di tempo, poichè i leader politici si impegneranno ad abbassare l’inflazione in modo poiché i policy maker si impegneranno a ridurre l’inflazione in modo durevole.

Con un’inflazione ancora al di sopra del range, la FED potrebbe a questo punto procederà a un ulteriore rialzo dei tassi quest’anno e poi tenere fermi i tassi quando nel 2023 l’economia statunitense dovrebbe rallentare. Powell ha confermato in maniera esplicita l’impegno della Federal Reserve a ridurre l’inflazione nonostante ciò comporterà qualche sacrificio, convinto che i tassi frenano la domanda

Nonostante i dati sull’inflazione del mese di luglio siano stati più limitati sia per quanto riguarda l’indice dei prezzi al consumo, sia per quanto riguarda l’indice dei prezzi per le spese per consumi personali , la tendenza di fondo dell’inflazione non sembra conforme con i propositi della FED che anzi sottolinea come gli operatori economici non devono aspettarsi tagli dei tassi a breve.

Nel convegno si è poi discusso del modo in cui la pandemia può condizionare la produttività, la produzione e i tassi neutrali di politica monetaria nel lungo termine ,chiedendosi se il quadro strutturale della Fed debba evolversi per affrontare queste nuove sfide.

Le aspettative di un incremento dell’inflazione e di un calo della crescita hanno messo in difficoltà la FED, ma gli addetti ai lavori hanno confermato il proprio obiettivo principale rimane quello di associare le aspettative di inflazione ad un repentino aumento del tasso sui FED fund.

Questo proposito ha già prodotto il ritmo più veloce di peggioramento delle condizioni finanziarie dal fallimento di Lehman Brothers del 2008. Nei prossimi mesi , ci attendiamo che la Fed continui a perseguire il cammino di inasprimento della politica monetaria; una politica monetaria limitativa è destinata a permanere malgrado i duri scenari riferibili alla crescita.

Contents.media
Ultima ora