×

Influenza, picco a gennaio: come distinguere i sintomi da quelli della variante Omicron

L'influenza sta colpendo moltissime persone e raggiungerà il picco a fine gennaio. La difficoltà è quella di distinguere i sintomi da quelli di Omicro

Influenza

L’influenza sta colpendo moltissime persone e raggiungerà il picco a fine gennaio. La difficoltà è quella di distinguere i sintomi da quelli della variante Omicron del Covid. 

Influenza, picco a gennaio: la diffusione passa inosservata per i bollettini Covid

L’influenza quest’anno si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa.

Tra il 3 e il 9 gennaio sono stati registrati 305.900 casi in Italia, che hanno portato a superare i 3 milioni di italiani colpiti dall’influenza. Nel 2022 il ceppo dominante è l’H3 del virus A e lo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) ha segnalato che il picco dei contagi dovrebbe arrivare tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio. I bollettini del Covid stanno facendo passare inosservata la forte diffusione dell’influenza.

Il consiglio per gli anziani è di prestare molta attenzione in quanto l’H3 del virus A è responsabile delle forme più gravi in coloro che hanno un’età avanzata. 

Influenza, come distinguerla da Omicron: i sintomi sono simili

In Italia si prevedono 6-7 milioni di persone influenzate a fine stagione. I virus influenzali sono di quattro tipi diversi: A, B, C e D. Il tipo A si distingue in vari sottotipi, a seconda delle glicoproteine presenti sulla superficie del virus.

L’influenza ha un paio di giorni di incubazione, poi si manifesta con un aumento della temperatura, con brividi, mal di gola, raffreddore, tosse secca, dolori articolari e muscolari, cefalea e malessere generale. Distinguerla dalla variante Omicron del Covid è molto difficile, perché i sintomi sono molto simili. Anche in questo caso si parla di raffreddore, mal di gola, febbre e dolori muscolari

Influenza, come distinguerla da Omicron: le differenze

I tempi di incubazione per l’influenza sono due giorni, mentre per il Covid sono dai tre ai sette giorni.

Un sintomo tipico del Coronavirus è la perdita del gusto e l’olfatto, ma nella variante Omicron non è più così comune. I positivi al Covid possono avere anche mal di testa e tosse secca, esattamente come chi contrae l’influenza. L’influenza, nei soggetti con un’età superiore ai 65 anni, può causare complicanze come bronchiti e polmoniti da sovrainfezioni batteriche. Per quanto riguarda i bambini, possono comparire anche otiti o sinusiti

Contents.media
Ultima ora