Inps, bonus da 1000 euro: ecco come poterlo ottenere
Inps, bonus da 1000 euro: ecco come poterlo ottenere
Economia

Inps, bonus da 1000 euro: ecco come poterlo ottenere

Inps

L’Inps ha divulgato le informazioni ufficiali sulla procedura per la richiesta del bonus asili nido da 1000 euro, per la conclusione delle domande.

Inps: concluse le verifiche

L’Inps ha finalmente concluso i lavori di verifica delle domande presentate entro luglio 2017 per la richiesta del bonus asili nido. Le domande sono passate dallo status di “protocollate” a quello “da istruire”. L’istituto di Previdenza ha dichiarato di aver effettuato tutte le verifiche necessarie per valutare l’idoneità delle domande presentate. Le verifiche preliminari sono state effettuate sui dati presenti negli archivi Inps e relativi a permesso di soggiorno, dati di Arca (Archivio anagrafico unico nazionale), e SR163, ovvero la sussistenza delle condizioni per il pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito.

Lo status delle domande

A seguito delle verifiche dell’INPS sulle domande pervenute, lo status di lavorazione delle stesse è passato da “protocollate” a “da istruire”, questo significa che al momento le domande che hanno superato la fase di verifica si trovano in attesa si istruttoria da parte della sede Inps di competenza.

Solo una volta superata questa seconda fase, le domande potranno definirsi “istruite”.

Come ottenere il bonus

Le famiglie le cui domande hanno superato la fase delle verifiche preliminari, possono avviare le procedure per ottenere il bonus asili nido di 1000 euro. Nello specifico il termine ultimo di presentazione delle domande da parte dei genitori con figli che frequentano asili nido pubblici e privati è fissato al 31 dicembre 2017. Le famiglie che hanno fatto domanda per usufruire del Bonus, riceveranno il contributo solo se avranno allegato alla domanda la ricevuta di pagamento delle rette dell’asilo, o delle altre spese eventualmente finanziabili tramite il bonus. Nello specifico l’INPS potrà restituire il contributo di 1000 euro per le rette del periodo gennaio-luglio 2017, dell’anno scolastico 2016-2017., cosa che risulterà possibile solo qualora il bambino risultare già iscritto all’anno scolastico 2017-2018.

Bonus: a cosa serve

Una volta presentata la domanda, l’INPS erogherà il contributo previsto di 1000 euro, utilizzabile per il pagamento delle rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati, ma anche per il pagamento di servizi e forme varie di assistenza domiciliare in favore di bimbi con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Il bonus asili nido permetterà anche di riboccasse la famiglie i cui figlio risulta iscritto per la prima volta all’asilo a settembre 2017, ma in questo caso la presentazione della domanda sarà possibile solo dopo aver provato l’avvenuta iscrizione e il pagamento di almeno di una retta di frequenza, o in alternativa dopo aver dimostrato l’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino.

In tutti i casi il bonus verrà erogato con cadenza mensile e spalmata su 11 mensilità, ciascuna dell’importo di 90,91 euro.

Bonus e assistenza domiciliare

Per quanto riguarda la copertura delle spese per l’assistenza domiciliare di minori, l’Inps ha infine specificato che l’erogazione del bonus avverrà in un’unica soluzione e che “Si dovrà allegare, all’atto della domanda, un‘attestazione rilasciata dal pediatra che dichiari per l’intero anno di riferimento l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche