×

Inter ko a Toronto. Mercato in attesa

Condividi su Facebook

Più che un passo indietro, nel primo tempo è sembrato di vedere un’altra squadra rispetto a quella che aveva schiantato il Manchester City. Scherzi dell’estate, della preparazione atletica e di un cambio di mentalità tattica, con novità ancora non assorbite: non si preoccupa Rafa Benitez della sconfitta della sua Inter, piegata 3-2 a Toronto dal Panathinaikos.

Troppo evidenti le ingenuità sui gol dei greci per pensare a vere lacune: palle perse a centrocampo e difficoltà a recuperare, di fronte ad una squadra assai più in palla dal punto di vista atletico. Stupisce, semmai, la mancanza di quel pressing a tutto campo che aveva contraddistinto la prima uscita americana: quasi assenti sin dai primi minuti (i nerazzurri erano sotto 2-0 già dopo 20′ per una doppietta di Cissè), i ragazzi di Benitez sono riusciti addirittura a subire il terzo gol in contropiede, un rischio calcolato se si vuole la difesa alta, ma non con tale facilità.

Solo nella ripresa si è visto qualcosa di meglio, grazie soprattutto a Coutinho (nella foto ancora con la maglia del Vasco da Gama): il giovanissimo trequartista brasiliano ha messo in campo qualità e coraggio, doti indispensabili per fare strada in un gruppo di campioni, siglando con un gran destro il definitivo 3-2.

Gruppo di cui fa ancora parte a tutti gli effetti Maicon, entrato negli ultimi 20′ e già in discreta forma: un motivo in più, tra poco, per farsi rimpiangere.

E mentre il brasiliano non abbassa le pretese economiche col Real e continua lo stallo col City per Balotelli, di conseguenza non decollano neppure le trattative per Mascherano e Kuyt, nonostante l’incontro di martedì sera con la dirigenza del Liverpool: le alternative a basso costo, Ledesma e Sculli, scaldano i motori.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche