×

Investite e uccise in Corso Francia, la madre di Camilla: “Ci interessava la verità, non la condanna”

Gaia e Camilla, investite ed uccise in Corso Francia nel 2019, è arrivato il verdetto finale. Parla la madre di Camilla, vittima dell'omicidio stradale.

Gaia e Camilla incidente Corso Francia

È giunta la sentenza per Pietro Genovese, il ragazzo che due anni fa investì e uccise Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Nonostante i familiari delle due vittime si dicano soddisfatti per il verdetto finale, non nascondono comunque la rabbia e la tristezza per quanto accaduto.

Omicidio in Corso Francia, parla la madre di Camilla. Il commento alla sentenza 

La prima a rompere il ghiaccio è stata la madre di Camilla Romagnoli, che si è detta soddisfatta per la sentenza emessa dai giudici e l’ha commentata in questo modo: “Abbiamo sempre voluto la verità e quella è rimasta. Hanno attraversato con il verde pedonale e sulle strisce. Mia figlia è senza colpa, la colpa è solo del ragazzo, l’entità della pena non ci interessa, riguarda la coscienza dei giudici“.

Soddisfazione condivisa anche con la Madre di Gaia Von Freymann e i legali di entrambe le famiglie. Oltre alla madre di Camilla, si sono esplicitamente espressi anche i legali della famiglia Von Freymann, commentando in questo modo la sentenza: “Nella pronuncia è stato confermato che la responsabilità del sinistro fu del solo Genovese e che la condotta di Gaia e Camilla fu irreprensibile. La minima riduzione della pena non scalfisce in alcun modo il profondo e autentico senso di giustizia che entrambe le sentenze hanno saputo esprimere“.

Omicidio in Corso Francia, parla la madre di Camilla. La sentenza

La sentenza finale è arrivata oggi, espressa dai giudici della Corte d’Appello di Roma. Condannato a 5 anni e 4 mesi per omicidio stradale plurimo Pietro Genovese. La pena non dovrà essere scontata nè in carcere nè agli arresti domiciliari, visto il carattere collaborativo che ha tenuto durante tutto il processo. Genovese potrà infatti uscire tra le 8:00 e le 21:59, con obbligo di rientrare presso il proprio domicilio a Roma, città in cui sconterà la pena, tra le 22:00 e le 7:00.

I giudici nella sentenza finale hanno confermato la completa responsabilità del sinistro a Genovese, in quanto è avvenuto per la negligente scelta di bere alcolici pur sapendo che avrebbe in seguito dovuto guidare.

Omicidio in Corso Francia, parla la madre di Camilla. Cosa accadde

La notte tra il 21 e il 22 dicembre 2019, Camilla Romagnoli e Gaya Von Freymann, persero la vita dopo aver attraversato Corso Francia, una strada non troppo distante dal popolare Ponte Milvio, nel quartiere dei Parioli. A causare il decesso delle due ragazze fu Pietro Genovese, all’epoca 20, figlio del noto regista Paolo Genovese. Dal 26 dicembre 2019 fino al giorno della sentenza, Genovese è stato agli arresti domiciliari nella sua casa di Roma.

Contents.media
Ultima ora