Irsutismo: cause più comuni e cura definitiva
Irsutismo: cause più comuni e cura definitiva
Donna

Irsutismo: cause più comuni e cura definitiva

Irsutismo
Irsutismo: cause più comuni e cura definitiva

Siete stanche dei peli in eccesso e non riuscite a capirne la causa? Vediamo insieme le cause più comuni e cura definitiva all'irsutismo.

Perchè moltissime donne hanno dei peli in eccesso? Perchè i peli sono ancora un tabù? Secondo un’indagine condotta da “Adnkronos Salute” il 13 % delle donne italiane è afflitta da un eccesso di peli su mento, labbra e guance e questo non comporta solo il sentirsi “derubate delle propria femminilità”, ma anche avere nel 57 % dei casi dei traumi psicologici. La patologia di cui soffrono queste donne si chiama “Irsutismo” e 8 volte su 10 solitamente è un problema di natura ormonale. Grazie all’aiuto di un team formato da un endocrinologo, un dermatologo e un ginecologo il problema può essere più o meno risolto, ma spesso non è così a causa di tabù e disinformazione.

Irsutismo femminile

Quando parliamo di “Irsutismo” intendiamo una condizione che comporta un’eccessiva crescita di peli sul corpo della donna. L’irsutismo causa la crescita di veri e propri peli neri in zone del corpo tipicamente maschili (es: petto e mento) e non è assolutamente da confondere con la crescita di una normale peluria.

L’irsutismo è causato da una presenza eccessiva e anomala di ormoni sessuali maschili. Questi ormoni si chiamano “Androgeni” e l’eccesso di produzione avviene dalle ghiandole endocrine, oppure da particolari sindromi dei surreni o delle ovaie.

Quando ci si trova in presenza di questa patologia si possono osservare peli robusti e di colore nero che crescono in zone del corpo tipicamente maschili. Non bisogna confondersi però con l’ipertricosi, ovvero una patologia dove l’eccesso di peluria viene causato dall’assunzione di alcuni farmaci o da disfunzioni. Solitamente l’irsutismo si accompagna dall’assenza o irregolarità del ciclo mestruale. Altre volte l’irsutismo è accompagnato da sovrappeso, acne e perdita dei capelli.

Siccome l’irsutismo non presenta una soluzione universale, ma si collega a emisferi della medicina come la ginecologia, la dermatologia e l’endocrinologia è necessario rivolgersi a uno specialista per riuscire a trovare la migliore cura. Il farmaco che solitamente viene consigliato è a base di ciproterone acetato e che ha una funzione anti-androgena.

Alla cura farmacologica solitamente viene affiancata una soluzione estetica (es: luce pulsata ed epilazione), che non sempre elimina la patologia, ma contrasta la crescita dei peli.

Irsutismo cura

L’irsutismo solitamente è causato da altre patologie (es: malattia di Cushing e ovaio policistico) e per questo motivo è bene intervenire il prima possibile. Se l’irsutismo però si presenta particolarmente insopportabile dal punto di vista estetico è bene intervenire con il laser o la radiofrequenza focale, insieme alla cura farmacologica a base di ciproterone acetato o spironolattone. Se il vostro caso non è grave vi consigliamo invece l’utilizzo di due prodotto che ora andremo a vedere nel dettaglio.

Il primo prodotto che vi vogliamo mostrare si chiama Hair Remover, un epilatore che utilizza l’innovativa tecnologia Sensa-Light™ per rimuovere i peli più difficili. Hair Remover vi farà dimenticare la problematica dei peli in eccesso perchè è adatto a tutti i tipi di pelle ed è formidabile perchè non dovrete più soffrire per irritazioni, tagli o brufoli dovuti all’utilizzo del rasoio o ceretta.

Consigliato dai dermatologi e totalmente Made in Italy. Hair Remover, inoltre:

  • Funziona perfettamente sulle pelli sensibili ed è adatto anche al viso.
  • La depilazione non richiede più di qualche minuto.
  • Non è doloroso.
  • Non irrita la pelle.
  • Può essere usato anche da chi ha la pelle molto sensibile.
  • Da usare sul viso, le ascelle, l’inguine ecc…
  • Può essere usato sulle ascelle e nelle zone difficili da raggiungere.

HAIR REMOVER. -

Il secondo prodotto di cui vi vogliamo parlare è certamente Flawless, il nuovo depilatore corpo indolore della linea B-Good che è stato creato per tutte le donne che sono stanche di ricorrere ogni mese ad estenuanti cerette o che soffrono durante la depilazione. Senza irritazione, tagli e arrossamenti potrete dire addio ai vostri peli superflui grazie a Flawless, l’epilatore che elimina i peli utilizzando la luce pulsata. Flawless permette di:

  • Eliminare anche i peli più dfficili.
  • Eliminare i peli superflui.
  • Essere utilizzato anche dalle pelli delicate
  • Non irritare la pelle.
  • Non vergognarsi più dei peli superflui.
flawless
flawless

Ingredienti naturali

Vediamo insieme come utilizzare Hair Remover:

  1. Accendere l’epilatore schiacciando sul tasto ON.
  2. Attendere che il prodotto sia pronto all’uso dopo che il LED inizierà a lampeggiare.
  3. Passare l’epilatore sulla zona da depilare.
  4. Quando avrete finito dopo aver rimosso la testa sensa-light dalla pelle l’epilatore si spegnerà e disattiverà automaticamente.
  5. L’epilatore si riaccenderà quando lo riappoggerete sulla pelle.
  6. Premere YES dopo aver terminato la depilazione e successivamente OFF.

Ecco come utilizzare invece Flawless:

  1. Accendete il depilatore Flawless con il pratico bottone ON.
  2. Passatelo sulla zona che desiderate depilare.
  3. Pulite il depilatore dopo averlo utilizzato.

Recensioni positive

Sia Hair Remover che Flawless vantano di moltissime recensioni positive:

“Il prodotto Hair Remover è arrivato nei tempi previsti e in buone condizioni.

Lo sto utilizzando per rimuovere baffetti e per la nuca di mio marito. Rispetto ad una lametta o rasoio, non provoca dolore e rimuove bene i peli. La carica dura per un paio di rasature” (Valentina, 42 anni).

“Cercavo un depilatore per zona guance e baffetti, visto che ho una ricrescita settimanale e andare dall’estetista mi costa tanto. Credevo che si trattasse di un aggeggio tipo giocattoli, rammaricandomi di aver buttato soldi e invece mi sono ricreduta. Il prodotto Flawless è molto bello nell’estetica e funziona discretamente bene, rimuove peli con un movimento deciso e la ricrescita dopo sette giorni e agli inizi” (Fabrizia, 23 anni).

Per acquistare Hair Remover e Flawless è necessario collegarsi sul sito dei prodotti, registrarsi e scegliere l’offerta migliore. Sul sito oltre che alle numerose testimonianze è possibile trovare anche moltissime offerte imperdibili. Quando avrete compilato il modulo e scelto l’offerta migliore il prodotto sarà inviato in meno di 48 ore.

Il pagamento potrà essere effettuato sul sito o alla consegna. Prodotti certificati dalla UE e consigliati al 100 %.

Irsutismo cause

Vediamo insieme quali sono le cause più comuni che possono portare all’irsutismo:

  • Aumento della produzione degli ormoni sessuali maschili (androgeni).
  • Aumento della produzione degli androgeni all’interno delle ghiandole endocrine (ovaie e surreni).
  • Disturbo del sistema endocrino femminile.
  • Fattori ereditari.
  • Fattori genetici.
  • Ipertensione arteriosa.
  • Iperteocosi.
  • Maggiore sensibilità agli androgeni da parte dei tessuti periferici (peli, ghiandole sebacee).
  • Problemi alla tiroide.
  • Problemi alle ghiandole surrenali.
  • Sindrome dell’ovaio policistico.
  • Sindrome di Cushing.
  • Sindromi adreno-genitali.
  • Tumori ovarici.
  • Tumori surrenalici.

Irsutismo idiopatico

Quando parliamo di “Irsutismo Idiopatico” o “Irsutismo Periferico” intendiamo un tipo di irsutismo che insorge senza alcuna causa apparente. Questo tipo di irsutismo è abbastanza frequente tra le donne di certi gruppi etnici e particolari aree geografiche. L’irsutismo idiopatico si caratterizza da un aumento dell’attività della 5-alfa reduttasi a livello della cute che aumenta la conversione a deidrotestosterone del testosterone e la pelle risulta anche più sensibile.

La sensibilità della pelle, unita alla produzione degli androgeni provoca la crescita dei peli.

Solitamente le donne che soffrono di irsutismo idiopatico sono molto giovani e la patologia ha avuto inizio dopo la prima mestruazione (menarca). Queste donne solitamente presentano un’eccessiva sudorazione, irregolarità mestruali, brusche variazioni della pressione arteriosa, disturbi circolatori alle estremità (mani fredde e sudate) e dermografismo (rossore della pelle al passaggio di un oggetto appuntito).

Nelle donne che soffrono di irsutismo idiopatico la distribuzione dei peli è variabile sia nella morfologia e densità che nella topografia. Inoltre la donna può soffrire anche di alopecia androgenica o acne. La forma del bacino è normale, così anche clitoride e le ovaie e i seni che spesso sono abbondanti e prettamente femminili.

Cosa sono le ovaie policistiche

Le ovaie policistiche sono una delle caratteristiche principali delle giovani donne che soffrono di sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), ovvero un disturbo del sistema endocrino che porta un ingrossamento delle ovaie che hanno il compito di contenere piccoli accumuli di cisti liquide. La sindrome dell’ovaio policistico può provocare riduzione di crescita dei capelli, acne, irsutismo, obesità e periodi mestruali infrequenti o prolungati.

La causa di questa patologia è ancora sconosciuta, ma è importante intervenire presto per non aumentare il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiache. I sintomi della sindrome dell’ovaio policistico iniziano a partire dal primo flusso mestruale (menarca) e alcune volte in risposta ad un sostanziale aumento di peso durante gli anni riproduttivi. Uno dei segnali importanti di questa patologia è l’obesità, che può peggiorare sempre di più e altri segnali importanti. I sintomi più comuni della sindrome dell’ovaio policistico sono:

ECCESSO DI ANDROGENI: livelli elevati di ormoni maschili (androgeni) possono causare segni specifici come acne adulta o grave acne adolescenziale, calvizie maschile (alopecia androgenetica) e capelli in eccesso sul viso e sul corpo (irsutismo).

MESTRUAZIONI IRREGOLARI: gli intervalli delle mestruazioni sono più lunghi di 35 giorni che portano a meno di 8 cicli mestruali all’anno, oppure cicli che possono essere scarsi o prolungati o mancate mestruazioni per 4 mesi o più.

OVAIE POLICISTICHE: oltre a ingrossarsi le ovaie contengono numerose sacche piccole piene di liquido che circondano le uova.

Avere la sindrome dell’ovaio policistico può portare all’insorgere di altre patologie, tra le quali:

  • Alta pressione sanguigna.
  • Apnea notturna.
  • Colesterolo e lipidi anomali.
  • Depressione e ansia.
  • Diabete di tipo 2.
  • Diabete gestazionale.
  • Infertilità.
  • Neoplasia del rivestimento uterino.
  • Pressione alta in gravidanza.
  • Sanguinamento uterino anomalo.
  • Sindrome metabolica.
  • Steatoepatite non alcolica.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche