ISTAT: italiani soddisfatti della propria vita | Notizie.it
ISTAT: italiani soddisfatti della propria vita
Economia

ISTAT: italiani soddisfatti della propria vita

Secondo il rapporto ISTAT 2010, gli italiani sono soddisfatti delle proprie condizioni di vita.

ISTAT

Dal rapporto ISTAT 2010 sulle condizioni di vita degli italiani emerge un sentimento complessivo di serenità e fiducia nel futuro, in pieno contrasto con l’ultima indagine IPSOS, commissionata in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio. Alla domanda “Attualmente, quanto si ritiene soddisfatto della sua vita?”, il 55,8% della popolazione intervistata, avendo a disposizione una scala di valori compresa tra 0 e 10, dà un voto compreso tra l’8 e il 9. Il 6,8% sostiene di essere totalmente soddisfatto. Il 22,4% indica un voto compreso tra 6 e 7 e solo il 3,9% resta sotto la sufficienza.

L’indagine è stata condotta su un campione di 19 mila famiglie, per un totale di 48 mila individui intervistati, a partire dai 14 anni di età. L’analisi ha preso in esame i vari aspetti della vita degli interpellati, passando dalle relazioni sociali alle condizioni economiche. L’insoddisfazione corre soprattutto tra le donne più anziane ed è concentrata al Sud, con valori minimi in Campania, Sicilia e Puglia.

La vera sorpresa proviene dal dato relativo alla soddisfazione economica, in crescita rispetto al 2009: il 48,4% esprime un giudizio positivo, mentre il 49,3% si dichiara per niente o poco soddisfatto.

Tuttavia, il rapporto ISTAT precisa che la percezione complessiva dei nuclei familiari si discosta dai dati raccolti per singolo individuo: cambiano i parametri, che dipendono dalla condizione professionale della persona di riferimento.

Il 45,3% dei nuclei con capofamiglia operaio segnala un peggioramento delle condizioni economiche. La percezione è negativa anche per il 44,9% dei nuclei con capofamiglia che esercita attività autonoma e il 63% con capofamiglia in cerca di occupazione.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche