Italicum: prima conta alla Camera
Italicum: prima conta alla Camera
News

Italicum: prima conta alla Camera

Italicum: prima conta alla Camera novità

Oggi è arrivata in aula a Montecitorio la legge elettorale Italicum, e sono iniziati i primi voti, dopo la mattinata di ieri durante la quale l’aula era quasi vuota. Alle otto di questa mattina, dunque, sono state presentate le pregiudiziali di merito e costituzionalità da parte delle opposizioni. Su due di queste, Forza Italia ha chiesto il voto segreto. Il vicesegretario del PD, Lorenzo Guerini, ha cercato di smorzare i toni, affermando: “Non mi pare ci sia la volontà di ricorrere alla fiducia sulle pregiudiziali”.

Tuttavia, sul voto sulle 140 modifiche mostrate in aula, grava sempre lo scontro che c’è fra Renzi e la minoranza del PD. Durante la giornata di ieri, 27 Aprile 2015, il premier ha scritto in una lettera dedicata ai segretari di circolo, specificando: “Se questa legge elettorale non passa è l’idea stessa di PD come motore del cambiamento dell’Italia che viene meno. C’è in ballo soprattutto la dignità del nostro partito”.

La Sinistra dem ha ribadito: “Dignità è un concetto profondo ed è offensivo usarlo a fini di polemica interna”.

Intanto, anche i rapporti tra maggioranza e Forza Italia si aggravano. Il 27 Aprile, Maria Elena Boschi ha accusato i forzisti di incoerenza. Brunetta ha affermato: “La giovane ministra o non ha colto fino in fondo i termini della questione o tenta di raccontare una realtà che non esiste”. La Boschi ha subito ribadito: “Possiamo manifestare una disponibilità su possibili modifiche sulle riforme nel passaggio al Senato. Tuttavia, questo non può essere un baratto a livello istituzionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche