JAZZSET 2011 - IX edizione - Notizie.it
JAZZSET 2011 – IX edizione
Bari e Puglia

JAZZSET 2011 – IX edizione

Club 1799
Piazza dei Martiri, 42
Acquaviva delle Fonti

L’Associazione Cafè 1799

con il sostegno di
Regione Puglia – Assessorato al Mediterraneo
Comune di Acquaviva delle Fonti

in collaborazione con il Club 1799

presenta

*JAZZSET 2011*
IX edizione

Venerdì 14 Ottobre

APERTURA RASSEGNA JAZZSET 2011

Presentazione del libro di Nicola Gaeta
“Una preghiera tra due bicchieri di gin”
interviene Antonio Di Giacomo (Repubblica)

concerto di apertura con
Gaetano Partipilo, Mirko Signorile, Pierluigi Balducci, Fabio Accardi

Sabato 15 Ottobre

ANA FLORA & BRAZILIAN JAZZ PROJECT

“Un omaggio musicale ai poeti dell’amore, del sole, del mare, i cantori più delicati e sublimi dell’animo brasiliano, coloro che hanno saputo celebrare in musica Rio De Janeiro con le sue splendide spiagge ed il Corcovado, la sensualità mozzafiato della donna carioca, lo splendore incomparabile della natura del Brasile.
Grazie soprattutto a Jobim, raffinato compositore e arrangiatore, ma anche a Louis Bonfà, Vinicius de Moraes, Joao Gilberto, la Bossa Nova divenne fenomeno di massa.

Ana Flora & Brasilian Jazz Project ripercorrono le tappe salienti del repertorio più conosciuto della tradizione brasiliana, attraverso i brani più rappresentativi della bossa nova e del jazz samba”.

ANA FLORA_voice Dino PLASMATI_guitar Fabrizio SCARAFILE_saxes & flute Frank FOSSANOVA_bass MARCELLO NISI_drums

Sabato 22 Ottobre

SONORA QUARTET feat. MAX IONATA

“Quartetto dal grande impatto emotivo formato da quattro affermati musicisti con all’attivo importanti collaborazioni e riconoscimenti, in special modo Max Ionata uno dei sassofonisti più attivi della nostra penisola che sta riscuotendo numerosi riconoscimenti in campo internazionale”.

Max Ionata-sassofono/ Antonio tosques-chitarra/ Giuseppe Bassi-contrabbasso/ Fabio Accardi-batteria

Sabato 29 Ottobre

GABIN DABIRÈ TRIO

“Il poeta, compositore e cantante, Gabin Dabirè, ci guiderà nei ritmi e le melodie tradizionali africane- terrigne, della savana, misteriose e suggestive. Gabin appartiene all’etnia “ Dagari”del Burkina Faso meridionale, evoca nei suoi lavori-da solista e in gruppo, il mondo della sua infanzia e adolescenza, usando strumenti, come i “Klima”, pezzi di ferro da infilare negli indici e che si battono con degli anelli tenuti ai pollici ed altri insieme alla chitarra o al balafon.

Le sue composizioni sono anche un richiamo alla figura del “griot, il cantastorie tipico di quell’area geografica. Messaggero di pace di organismi internazionali lega il suo impegno artistico a quello umanitario. Il suo nome in Italia e all’estero è legato a live in rassegne internazionali”.

Gabin Dabirè :voce e chitarra / Paul Dabirè : percussioni/ Guglielmo Pagnozzi : sax

Sabato 5 Novembre

Incontro
NICOLA STILO, GIANNI LENOCI, TIZIANA GHIGLIONI

Tre importanti nomi della scena jazz italiana in un atteso incontro . Nicola Stilo, polistrumentista (flauto, pianoforte, batteria) jazzista di fama internazionale, ha vissuto la scena jazz anni’70-’80 a Roma, quando la città viveva di incontri decisivi per la futura generazione di jazzisti italiani. Determinante gli anni del sodalizio artistico con il grande Chet Baker.
Gianni Lenoci,diplomato in pianoforte, è’ compositore ed interprete di opere sperimentali,notate ed improvvisate con un’ attenzione particolare a compositori radicali. Vincitore di un premio della fondazione Acanthes (Parigi) nel 1996.

Si esibisce frequentemente sia come solista che con gruppi jazz e sperimentali, collaborando con i maggiori improvvisatori della scena mondiale. Tiziana Ghiglioni, la più importante vocalist italiana, nella sua ormai trentennale carriera, oltre che leader di molte sue formazioni, ha prodotto una lunga serie di prestigiose collaborazioni . Un appuntamento da non perdere per una reunion d’eccezione .

Nicola Stilo flauto , Gianni Lenoci piano, Tiziana Ghiglioni voce

Sabato 12 Novembre

VITTORIO SABELLI R-EVOLUTION BAND FEAT. LUTTE BERG

“R-Evolution Band- Versus è un discorso musicale aperto a 360° che ha come base l’improvvisazione collettiva.
Proprio da questo concetto muove il discorso musicale del mai scontato che prende di volta in volta direzioni inaspettate.
Il percorso è incentrato sul SOUND della band, sull’energia, il timbro e la struttura formale delle composizioni, caratterizzate ciascuna da una sua distinta personalità che creerà degli spunti per un’improvvisazione il più varia possibile.
E’ proprio l’elemento improvvisazione la linea comune del progetto, non fine a se stessa ma mirata a un dialogo e un percorso comune tra i musicisti basato sull’ascolto e l’interazione che porta il discorso musicale in un senso anziché in un altro”.

Vittorio Sabelli clarinetto/ Lutte Berg – chitarra/ Lorenzo Paesani – piano
Graziano Brufani – contrabbasso/ Dario Congedo – batteria

Sabato 19 Novembre

THE ENCHANTED GARDEN
CLAUDIO FILIPPINI TRIO
in anteprima il nuovo lavoro discografico

“The Enchanted Garden conferma il talento di Filippini che in molti avevano già notato da tempo; prima fra tutti, la CamJazz, che ha puntato sul giovane pianista pescarese licenziando questo lavoro a settembre 2011.

Claudio Filippini, classe 1982 e già diversi dischi alle spalle, custodiva nel cassetto il desiderio di realizzare questo progetto con il trio di sempre. Un sodalizio, nato sette anni fa in un jazz club durante un concerto improvvisato, che porta la firma anche del contrabbassista Luca Bulgarelli e del batterista Marcello Di Leonardo. In questo disco si respira tutta la libertà creativa di Filippini, quella libertà non vincolata da compromessi dettati dal mercato, ma che dimostra quella volontà ineluttabile di manifestare il proprio sentire e la propria musica. Tutto questo Filippini lo fa aprendo i confini della sua arte, mostrandoci il suo “giardino incantato”. La meraviglia di un ascolto, un linguaggio moderno e personale al midollo; The Enchanted Garden, questo il titolo del disco, è un piccolo gioiello. Intrigante negli sconfinamenti dal sapore rock, ammaliante nelle ballad e nei mid tempo, Filippini, a dispetto dell’età, è un musicista maturo, intelligente e capace. Un artista che sa dare, attraverso la scrittura, una profondità unica a una tecnica pianistica solida e sopraffina. Un linguaggio jazzistico che farà parlare molto di sé, ben oltre i confini nazionali”.

Domenica 20 Novembre

MARTIN JACOBSEN & NEW JAZZ TRIO

“Ricerca della tradizione in chiave modernista, grande interplay, brani standards e originali riarrangiati, sono solo alcuni degli ingredienti di questo dinamico quartetto. I musicisti di questo gruppo, con Martin JACOBSEN (sassofoni) e Dino PLASMATI (chitarra) in testa, ma anche la ritmica consolidata di NISI e PACE, offrono uno spaccato di jazz moderno di grande valore artistico. Improvvisatori di vaglia e musicisti dalle numerose esperienze e collaborazioni internazionali, arricchiscono ciascun brano con assoli graffianti e dolci al contempo, con armonie raffinate e ritmi che in alcuni momenti richiamano il passato”.

MARTIN JACOBSEN- tenor sax/ DINO PLASMATI- guitars/ CAMILLO PACE- double bass/ MARCELLO NISI- drums

Mercoledì 23 Novembre

KID STEPS
STEVE POTTS/ GIANNI LENOCI/MARCELLO MAGLIOCCHI

“In un certo senso questa è musica libera. Non perché contiene molta energia propria del Free Jazz (tutt’altro), o perché il romantico abbandono prevale, ma perché è dischiuso un mondo di possibilità illimitate, dove la fantastica reverie e il colore religioso dell’inno convivono con la potenza del rock e la profonda enfasi del blues, l’abbellimento in filigrana e le delicata ramificazioni, la semplicità naive e la naturale modestia”. (Werner Wittersheim)

Steve POTTS, sax soprano & contralto/ Gianni LENOCI, pianoforte
Marcello MAGLIOCCHI, batteria & percussioni

Sabato 26 Novembre

KOBO CONCEPT

“KOBO CONCEPT è un trio parigino di jazz contemporaneo che propone delle composizioni originali ispirate dall’estetica punk-rock, la cui energia ed intensità caratterizzano lo stile del gruppo. Grazie a un approccio diretto e vigoroso, Kobo Concept rivisita la formula classica del trio; grooves binari, tempi dispari e un suono compatto e brillante si associano ad un lirismo pianistico proveniente dalla tradizione dei grandi trio jazz del passato.
Punk Zen è il primo progetto discografico dei Kobo Concept prodotto dall’etichetta italiana Nau Records”.

Thomas Cassis (piano), Tommaso Montagnani (basso) e Octave Ducasse (batteria)

Sabato 3 Dicembre

DOMENICO SANNA TRIO feat. RICK MARGITZA

“Il trio è guidato dal pianista di Gaeta Domenico Sanna uno dei pianisti più raffinati ed interessanti del momento, egregiamente accompagnato da Marco Valeri e Dario Deidda due tra i musicisti più rappresentativi della loro generazione.
La voce solista di questo concerto sarà di un musicista che ha davvero influenzato il modo di suonare di migliaia di sassofonisti al mondo, l’ultimo sassofonista di Miles Davis, un caposcuola. Ispirato dalla musica di Wayne Shorter, John Coltrane e Michael Brecker. Con una sensibilità e profondità musicale al di fuori del comune, lui è Rick Margitza, che ha collaborato e registrato con i musicisti piu importanti come McCoy Tyner, Bobby Hutcherson, Eddie Gomez, Chick Corea, Dave Douglas e Miles Davis. Data la sensibilità ed il talento degli artisti coinvolti la musica non può che essere di grande spessore”.

Rick Margitza sax, Domenico Sanna piano, Dario Deidda bass, Marco Valeri drums

Domenica 4 Dicembre

OLATUJA PROJECT

Il progetto Olatuja “The Promise” racchiude jazz, gospel, soul e sonorità tradizionali africane frutto della felice collaborazione messa in atto da Michael e Alicia Olatuja.
Un unico intento e cioè quello di creare un sound che fonda elementi tradizionali della musica africana come la lingua yoruba, il jazz contemporaneo, il gospel tradizionale, l’ R & B, soul e groove funky. Grandi le collaborazioni dei musicisti sul palco, da Stevie Wonder a Rod Stewart ed Amy Winehouse.

Alicia Olatuja voce/ Femi Temowo chitarra /Jason Rebello piano
Michael Olatuja basso/ Troy Miller batteria

Sabato 10 Dicembre

ROBERTO GATTO TRIO

“Roberto Gatto, uno tra i più stimati musicisti della scena jazzistica mondiale, non solo batterista di grande sensibilità ma anche ottimo organizzatore musicale e band leader, non esita a mettersi in gioco di fronte a nuove idee e raccoglie l’ennesima sfida attraverso questo nuovo progetto in trio. Coprotagonisti sono Gaetano Partipilo e Giuseppe Bassi, due dei più interessanti nuovi talenti emersi in Italia negli ultimi anni. Le straordinarie doti musicali di Gaetano Partipilo e Giuseppe Bassi si fondono perfettamente con l’esperienza e l’eleganza di un fuoriclasse come Roberto Gatto”.

Sabato 17 Dicembre

FLAVIO BOLTRO & MARCIO RANGEL

Straordinario chitarrista brasiliano e compositore mancino, dotato di grande talento, carisma ed eclettismo.Márcio Rangel nasce a Mossoró (Brasile) il 07 novembre 1974. All’età di sedici anni inizia a suonare la chitarra e sviluppa il suo stile usando una chitarra da destri: suonando, cioè, i bassi con l’anulare e il mignolo e la melodia con il pollice, l’indice e il medio. Ne scaturisce, così, una sonorità più potente nei bassi e vellutata negli acuti, che sviluppa nuove digitazioni di accordi e un senso melodico ritmico e armonico.
Flavio Boltro è un musicista di assoluta grandezza ed eleganza.Ha segnato uno dei periodi più interessanti del jazz contemporaneo in Italia con illustri musicisti quali Roberto Gatto, Franco Cerri, Stefano di Battista,Stefano Bollani, Enrico Rava,Gino Paoli. La sua affermazione internazionale è sancita a Parigi,dove oggi vive, avendo collaborato con artisti del calibro di Cedar Walton,Bob Berg,Don Cherry,Michel Petrucciani e Wynton Marsalis entrando nel novero dei trombettisti di caratura mondiale.

Domenica 18 Dicembre

JAVIER GIROTTO & BEBO FERRA – CALEIDOSCOPIC ARABESQUE

Il nuovo progetto musicale nasce da una grande affinità e reciproca stima consolidata negli anni. I percorsi artistici dei due musicisti si erano già incontrati in passato ma sempre in formazioni allargate; questa volta, invece, la dimensione si fa decisamente più intima. Tutto è alla luce del sole, sia dal punto di vista compositivo che improvvisativo.
Il disco rappresenta una totale unione tra spirito ed energia, un’alchimia melodica ed armonica che evidenzia intrecci di trame e colori che si intersecano fino a creare un’immagine ricca di fantasia, come nell’arabesco ornamentale.
Caleidoscopic Arabesque è ricco di sapori latini, mediterranei e arabi e il disco diventa il luogo dove far emergere ed unire tutte queste sonorità etniche; lo stesso Sax fa emergere dalle oscurità del mare le trasparenze di quel mondo Arabo antico ed affascinante.

JAZZSET 2011

Club 1799
Piazza dei Martiri 42
Acquaviva delle Fonti
www.club1799.it

Info. Concerti 392 23 24 523 – 080 75 88 63

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.