×

Juventus tra ritiro e mercato

Condividi su Facebook

Si è conclusa con l’amichevole di Lubecca contro l’Amburgo la prima fase del ritiro estivo della Juventus, proiettata al turno preliminare di Europa League che il 29 luglio, in trasferta, ed il 5 agosto, al “Braglia” di Modena, vedrà i bianconeri affrontare una tra Shamrock Rovers e Bnei Yehuda.

Dopo due giorni di riposo la squadra di Delneri riprenderà a lavorare mercoledì a Varese, terra natale del d.g. Marotta, ma a Vinovo sudano già da lunedì i nazionali tornati dal Mondiale, ad eccezione di Iaquinta, out un mese per un problema muscolare strascico del Mondiale.

È tempo dunque di primi bilanci per Delneri. Ma è ancora una Juve da lavori in corso, largamente incompleta nell’organico ed ancora lontana dall’aver appreso gli schemi del nuovo allenatore.

Nel primo test “vero”, infatti, la difesa, pur molto lontana dall’assetto standard, ha sbandato e solo le prodezze di Storari hanno evitato la sconfitta. Ancora imperfette le distanze tra i reparti così come l’amalgama del reparto avanzato, dove Diego fatica ad agire da seconda punta.

Il mercato è bloccato dalle mancate cessioni: chissà se l’imminente partenza di Giovinco, diretto verso Parma in cambio di 4,5 milioni per la metà, sbloccherà la situazione per accontentare il tecnico, che ha chiesto almeno quattro rinforzi. Ma il rebus è l’attacco: si scommetterà su un Trezeguet in scadenza a giugno o si scaglierà l’assalto verso Dzeko o in subordine Gilardino o Pazzini? La sensazione è che si andrà per le lunghe.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche