> > Kiev al buio: salta il piano elettricità

Kiev al buio: salta il piano elettricità

Kiev

Kiev è di nuovo al buio. L'operatore elettrico Ukrenergo ha fatto sapere che si è registrato un aumento significativo del consumo di elettricità.

Kiev è di nuovo al buio.

L’operatore elettrico Ukrenergo ha fatto sapere che si è registrato un aumento significativo del consumo di elettricità. Il Generale Inverno, in un Paese con le reti energetiche e sanitarie al collasso, “mette a rischio la vita di milioni di persone”.

Kiev al buio: salta il piano elettricità

Salta il piano sull’orario delle interruzioni dell’elettricità nella capitale e nella regione di Kiev, per via dell’elevato consumo di corrente dovuto al freddo.

Oggi “nella capitale sono stati applicati arresti dell’elettricità di emergenza. I programmi sono temporaneamente sospesi fino a quando la situazione non si sarà stabilizzata“, ha affermato l’operatore elettrico ucraino Ukrenergo. L’amministrazione ha spiegato che “attualmente, il consumo di elettricità è aumentato in modo significativo nella regione di Kiev. Al fine di evitare incidenti di massa, ci sono interruzioni di emergenza” ha riportato Espreso tv.

Continua la tensione tra Ucraina e Russia

Prosegue la tensione tra Ucraina e Russia. Nella notte è stata colpita la città di Nikopol, mentre in mattinata è stato bombardato un edificio residenziale a Kharkiv. Le autorità ucraine hanno segnalato nuovi raid anche su Kherson, con morti e feriti. Il Cremlino ha ribadito che in Ucraina ragiungerà i suoi obiettivi, ma non vuole “un cambio di regime” a Kiev. Dmitry Peskov ha affermato che non si discute di una seconda chiamata alle armi, mentre il presidente Zelensky ha invitato i concittadini a riunirsi in Piazza dell’Indipendenza.

Nelle zone di Kherson e Mykolaiv i danni alle infrastrutture sono molto gravi. L’Ucraina ha avviato l’evacuazione della popolazione civile perché è impossibile sopportare le temperature invernali, come dichiarato dalla vicepremier ucraina, Iryna Vereshchuk. 

L’Aiea, nella figura del direttore Rafael Grossi, ha chiesto che vengano fermati i raid sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia. “I ripetuti bombardamenti nel sito della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia hanno danneggiato edifici, sistemi e attrezzature, con alcune delle esplosioni che si sono verificate vicino ai reattori” ha dichiarato l’ente di controllo delle Nazioni Unite.

Anche se non vi è stato alcun impatto diretto sui principali sistemi di sicurezza e protezione nucleare dell’impianto, il bombardamento si è avvicinato pericolosamente. Stiamo parlando di metri, non di chilometri. Chiunque stia bombardando la centrale nucleare di Zaporizhzhia, sta correndo enormi rischi e giocando d’azzardo con la vita di molte persone” ha aggiunto Grossi.