> > Killer di Roma: la svolta dalle parole della supertestimone

Killer di Roma: la svolta dalle parole della supertestimone

Polizia

Spunta una supertestimone che fa luce sul caso del killer di Roma: dalle sue parole si risale a un accusato

Triplice femmicinicidio a Roma Prati.

C’è un nome. Giandavide De Pau. Cinquantunenne italiano, è stato prelevato, stamattina all’alba, dal suo appartamento nella periferia di Primavalle e trasportato in questura per essere sottoposto a un interrogatorio serrato. Era l’autista e il guardaspalle del boss mafioso Michele Senese.

Omicidi a Roma Prati: parla la supertestimone

Arriva agli investigatori una testimonianza cruciale. Ieri sera una ragazza cubana si è presentata in questura perché sapeva di essere cercata e che suo fratello era già a San Vitale per un interrogatorio.

La svolta nelle sue parole. Ha raccontato di aver trascorso la notte con un uomo che le aveva confessato di aver ucciso tre donne. Testimonianze incrociate quelle dei due cubani, che permettono agli agenti di risalire al sospettato, De Pau appunto.

Chi è l’uomo accusato del triplice omicidio

Spalla di Senese anche nell’incontro con Massimo Carminati nei pressi di Corso Francia nel 2013 (c’è un filmato che testimonia l’accaduto), quello di De Pau non è un nome sconosciuto all’interno delle vicende malavitose intorno alla capitale.

Fu arrestato il 1 dicembre 2020 in un blitz che lo vide accusato, insieme ad altre 26 persone, dei seguenti reati: traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, lesioni personali gravissime, tentato omicidio e trasferimento fraudolento di valori.

Il questore di Roma Mario Della Cioppa rassicura i cittadini, dando valore e fiducia al lavoro della Squadra Mobile e della Polizia Scientifica. In una situazione fortemente controllata in cui gli abitanti della capitale possono tornare a stare tranquilli, ora continuano le indagini per fornire informazioni più precise.