Komos, un modo diverso di intendere la cultura LGBT - Notizie.it
Komos, un modo diverso di intendere la cultura LGBT
Bologna

Komos, un modo diverso di intendere la cultura LGBT

Il coro bolognese Komos - coro maschile gay - è tornato a Pesaro dopo l'alt dell'Arcidiocesi.

Nonostante il no dell’Arcidiocesi, l’ensemble bolognese Komos si è esibito a Pesaro lo scorso weekend. Forse qualcuno ricorderà che l’Arcidiocesi aveva cancellato la data perchè il coro si dichiara esplicitamente omosessuale. Infatti, i cantori non hanno potuto esibirsi nella chiesa dell’Annunziata ma solo nella sala della Provincia di Pesaro, riuscendo a coinvolgere il pubblico con un repertorio d’eccezione che prevede, tra l’altro, il Lamento della ninfa di Claudio Monteverdi.

Diretto da Paolo V. Montanari, Komos è un coro maschile gay con base a Bologna che si propone di promuovere la cultura omosessuale attraverso la musica, rifuggendo gli stereotipi culturali. Tra l’altro, rappresenta uno dei momenti alternativi di aggregazione sociale della comunità LGBT, lontano da discoteche a tema per dare vita ad un autentico dibattito culturale.

I Komos provano presso la Chiesa Evangelica di Bologna di Via G. Venezian, 1, il lunedì sera, dalle 20.30 alle 23.

A quanti fossero interessati, proponiamo la visione e l’ascolto di uno dei pezzi in repertorio.

Luigia Bencivenga

luigia bencivenga
guarda il mio profilo
su giovaniartisti.it

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.