L’IRAN DELL’AUTOMOTIVE TORINESE: PERCHE’ LE SANZIONI SONO SOLO UNA FARSA - Notizie.it
L’IRAN DELL’AUTOMOTIVE TORINESE: PERCHE’ LE SANZIONI SONO SOLO UNA FARSA
Torino

L’IRAN DELL’AUTOMOTIVE TORINESE: PERCHE’ LE SANZIONI SONO SOLO UNA FARSA

A Torino, la scorsa settimana si è tenuto il convegno Esportare ed investire in Iran promosso dalla Camera di Commercio Italo Iraniana. Durante il convegno tecnici iraniani spiegavano dinanzi a imprenditori italiani quali vantaggi comporta il commercio con l’Iran. Questo mentre la crisi dei rapporti diplomatici Europa/Iran si fa più drammatica. E’ un mondo schizofrenico? Si.

E’ evidente che l’informazione mainstream e l’economia mondiale viaggiano su piani diversi. Cioè: le sanzioni e i discorsi politici che condannano l’Iran sono una farsa, atta ad alimentare una propaganda che non ha reali riscontri nelle relazioni di scambio economico tra Repubblica Islamica e il resto del mondo. I principali partner commerciali dell’Iran in Europa sono Francia, Germania e Italia.

E’ da circa trent’anni che in Europa e Stati Uniti si fa propaganda politica contro l’Iran, costruendo un nemico iraniano, affibbiandogli il fantomatico appellativo di “stato canaglia” e ponendo l’accento sul nucleare come ricorso alle armi atomiche.

Tutto questo è stato fatto mentre le principali aziende europee facevano affari d’oro esportando in Iran: un paese giovane, in crescita, ricchissimo di risorse naturali. Questo è particolarmente vero, soprattutto in questi anni, per il settore auto motive che proprio a Torino ha le sue punte di nicchia. L’iraniana KHODRO rappresenta una miniera d’oro per le medio/piccole aziende piemontesi che esportano prototipi e modelli di nicchia, soprattutto considerando la crisi del mercato auto motive in Europa.

Insomma, sarebbe più utile per i cittadini che l’informazione descrivesse la realtà, invece di mirare solo a creare opinioni pubbliche distorte.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche