×

L’aria che tira, scontro in diretta tra Maria Giovanna Maglie e Matteo Bassetti

Nella puntata de L'aria che tira è andato in onda un duro scontro tra Maria Giovanna Maglie e Matteo Bassetti, riguardo il tema vaccini anti-Covid.

Maglie-Bassetti

Nella puntata de L’aria che tira è andato in onda un duro scontro tra Maria Giovanna Maglie e Matteo Bassetti, riguardo il tema vaccini anti-Covid.

L’aria che tira, scontro in diretta tra Maria Giovanna Maglie e Matteo Bassetti

Nella puntata di L’aria che tira, su La7, andata in onda lunedì 22 novembre, c’è stato un duro scontro tra Maria Giovanna Maglie e Matteo Bassetti. L’argomento vaccini ha immediatamente diviso i due ospiti in collegamento. “Non si può parlare senza sapere” ha commentato l’infettivologo del San Martino di Genova. “La Regione Liguria di cui io sono coordinatore del dipartimento…” stava iniziando a dire il medico, ma è stato interrotto immediatamente dalla giornalista, che ha iniziato a sbuffare.

Si tratta della Regione che ha usato più di tutte i monoclonali. Ma i monoclonali non sostituiscono i vaccini, così stiamo dando delle informazioni sbagliate ai cittadini, così si raccontano delle grandissime palle alla gente!” ha continuato Matteo Bassetti

L’aria che tira, Maria Giovanna Maglie risponde a Matteo Bassetti

Continua a usare metodi terroristi e dire alla gente che non ci sono soluzioni alternative e che esistono solo vaccini” ha dichiarato Maria Giovanna Maglie, spiegando che “non faccio discorsi sanitari ma di buonsenso e di logica“.

Dico che c’è gente che va in televisione a spararla grossa e a drammatizzare, ma questo dovrà rispondere lui, perché continua a dire che c’è solo il vaccino e che bastavano due dosi, e che il green pass poteva durare un anno. Non è così” ha aggiunto la giornalista.

L’aria che tira, la reazione di Matteo Bassetti

Matteo Bassetti ha subito reagito alle accuse di Maria Giovanna Maglie. “Io? Io? Ma vaff….

” ha dichiarato il medico, con tanto di gesto. “Bisogna incrementare la terapia dei vaccini monoclonali perché in un giorno i pazienti guariscono prima che la malattia arrivi ai polmoni” ha continuato la giornalista. L’infettivologo è d’accordo con questa affermazione, ma convinto che questo non debba giustificare le persone che decidono di non vaccinarsi. 

Contents.media
Ultima ora