×

La Cavalla Bianca di Garibaldi

Garibaldi e Marsala

default featured image 3 1200x900 768x576

Garibaldi2007silvano campeggi 204x300
Gli esseri umani hanno da sempre stabilito un rapporto speciale con i cavalli, un legame profondo, fatto di amicizia e dedizione reciproca.

I grandi condottieri del passato, da Alessandro Magno a Giulio Cesare, fino a Napoleone Bonaparte e Carlo Alberto di Savoia, furono tutti accomunati da un grande amore nei confronti del proprio compagno a quattro zampe, cui dedicarono attenzioni e cure continue.

Giuseppe Garibaldi ebbe una cavalla bianca, di nome Marsala, che lo accompagnò durante la spedizione dei Mille; oggi Marsala riposa nei meravigliosi giardini della villa di Caprera, accanto al suo padrone.

Sulla lapide si può leggere: “Qui giace la Marsala che portò Garibaldi in Palermo, nel 1860. Morta il 5 Settembre del 1876 all’età di 30 anni”.

La cavalla era una giumenta grigia più che bianco candido donata a Garibaldi dal marchese siciliano Sebastiano Giacalone Angileri l’ 11 Maggio 1860, giorno dello sbarco a Marsala.

L’amore per gli animali è probabilmente uno degli aspetti meno conosciuti della personalità dell’eroe dei due mondi, che nel 1871 fondò la “Società Reale per la protezione degli animali“, divenuta poi l’attuale Enpa.

Contents.media
Ultima ora