×

La Darsena torna al comune, cominciano i lavori

Condividi su Facebook

Il Comune di Milano torna in possesso della Darsena, avendo legittimamente ritirato la concessione alla ditta che la gestiva e che avrebbe dovuto realizzare un parcheggio sotterraneo.Il Tar della Lombardia ha infatti respinto il ricorso presentato dalla Progetto Darsena Spa. Soddisfazione da parte delle autorità comunali.

«Da oggi il concessionario – ha esultato l’assessore ai Lavori Pubblici Bruno Simini – non ha più alcun titolo per detenere l’area e si potrà finalmente voltare pagina». Il Comune infatti ha pronto un sopralluogo per verificare lo stato delle sponde e del fondale della Darsena, in modo da avviare la bonifica e la riqualificazione di un’area, ormai nel degrado da anni. «In questi mesi – dice Simini – abbiamo lavorato a predisporre un progetto di riqualificazione e bonifica che possa finalmente restituire decoro a un’area importante della città che, nonostante i ripetuti appelli, è stata abbandonata all’incuria e al degrado.

Da oggi non sarà più così».

La Darsena era stata consegnata alla Progetto Darsena SpA nel 2004 e da allora l’antico porto di Milano è diventato un cratere a cielo aperto, a causa anche del prolungarsi degli scavi archeologici, mai sfociati nei lavori.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

2
Scrivi un commento

1000
2 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
2 Commentatori
più recenti più vecchi
michela

finlamente basta quello schifo! lo vedo tutti i giorni.. rivogliamo il posto più bello di milano

Redazione Notizie.it

é vero, era una vergogna. Tutta quella parte dei navigli, bella anche in bicicletta, peccato fosse tutta dissestata!


Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche