×

La musica neomelodica napoletana piange Anna Russano: il commosso ricordo di Gianni Simioli

La musica neomelodica ha perso una delle sue maggiori interpreti: è venuta a mancare Anna Russano, artista della "Napoli verace"

anna russano
anna russano

È venuta a mancare Anna Russano, popolare cantante neomelodica napoletana molto conosciuta nel novero degli artisti partenopei che si sono sempre dati con il cuore ai loro fans. Definita da Gianni Simioli una “voce carnale e orgogliosa di vicoli, matrimoni e gloriose feste di piazza”, Anna comunicava gioia e dolori della gente campana.

Lo speaker radiofonico ha voluto ricordarla con un lungo post sul suo profilo Instagram:

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gianni Simioli (@giannisimioli01)

Anna Russano: il ricordo della sua veracità

“Una brutta notizia per chi ama la musica popolare e i suoi artisti più veraci, sostenuti da migliaia di fans e, mai una volta, dai media che pensano di contare qualcosa e diabolicamente li ignorano pretendendo di decidere cosa sia degno e cosa no (ma poi decide sempre la Napoli dei napoletani e diventano “stelle”). È morta Anna Russano, voce carnale è orgogliosa di vicoli, matrimoni e gloriose feste di piazza. E se la piango e rimpiango è perché l’ho sempre fatta sentire in radio e quindi sostenuta e apprezzata in vita”.

Questo dunque il ricordo di Gianni Simioli, che ha poi anche riportato alla memoria “L’amante ‘e mia sorella” da lui condotta negli anni novanta su Radio Norba. La storia da telenovela fu uno dei più grandi successi di Anna Russano, seguita poi da “La Radiazza”, Radio Marte, dove venne rilanciata una delle sue migliori interpretazioni in “Cafè Cafè”, capolavoro scritto da Nino D’Angelo per il film Aitanic.

Tanti sono ovviamente i messaggi di cordoglio che si stanno riversando per la compianta artista, moltissimi dei quali dai suoi colleghi napoletani.

Uno su tutti quello di Alberto Selly, che l’aveva sentita al telefono solo poche ore prima del decesso.

Contents.media
Ultima ora