×

La Nato progetta una presenza militare permanente ai confini con l’Ucraina

I venti d guerra spirano sempre più forte in scacchiere geopolitico: adesso la Nato progetta una presenza militare permanente ai confini con l’Ucraina

Jens Stoltenberg con le truppe Nato

La notizia, per certi versi clamorosa ed inquietante, è stata rilanciata in queste ore dal Telegraph: la Nato starebbe progettando una presenza militare permanente ai confini con l’Ucraina. L’indiscrezione che però avrebbe fonte primaria arriva dopo il summit dei ministri degli Esteri del Patto Atlantico e con il il segretario Jens Stoltenberg che sul tema specifico parla di una “trasformazione”.

Non solo protocolli e modalità per un eventuale ritorno delle delegazioni diplomatiche occidentali a Kiev dunque, ma anche progetti strategici delicatissimi in quel summit del 7 ed 8 aprile scorsi. 

Presenza militare Nato ai confini dell’Ucraina

E fra quelli il più delicato, con la Nato che sta lavorando a piani per schierare una presenza militare permanente ai propri confini per contrastare una futura aggressione della Russia. Ha detto Stoltenberg secondo il Telagraph che “la Nato si trova in mezzo a una trasformazione fondamentale che è specchio fedele delle conseguenze a lungo termine delle azioni del presidente russo Vladimir Putin”. 

Jens Stoltenberg: “Una nuova realtà”

In buona sostanza Putin se la sarebbe cercata e, invece di ottenere che la Nato sloggi dai suoi confini occidentali, se la ritroverà sull’uscio di casa come ospite fisso e sgradito. Ha chiosato poi il segretario Stoltenberg: “Quella che abbiamo di fronte ora è una nuova realtà, una nuova normalità per la sicurezza europea”. Per questo è stato chiesto ai comandanti militari di fornire opzioni “per un adattamento a lungo termine della Nato“.

Contents.media
Ultima ora