×

La protesta degli immigrati a Brescia è giunta al giro di boa

Condividi su Facebook

Dopo la discesa a terra di Jimi, Aroun, Sajad e Rachid, i quattro immigrati che per diciassette giorni hanno vissuto sulla gru nel cantiere Metrobus di Brescia per protestare contro “la sanatoria-truffa”, si stanno delineando le loro posizioni. Sono molte le voci del mondo del volontariato cattolico e laico che si sono alzate contro le leggi sull’immigrazione che spingono alla disperazione persone raggirate e truffate nel tentativo di acquisire una legalità sul territorio. A quanto si e’ appreso, soltanto Rachid, la cui pratica e’ al vaglio delle autorita’, potrebbe ottenere il permesso di soggiorno. Sajad, il pachistano, con precedenti ostativi alle spalle, rischia l’espulsione. Per gli altri due, invece, la domanda e’ ancora in itinere ma in base alle prime informazioni difficilmente avra’ esito positivo.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche