×

La ragazza di Scalea non è Denise Pipitone: il test del dna ha dato esito negativo

Il test del Dna effettuato sulla ragazza di Scalea somigliante a Denise Pipitone ha dato esito negativo: proseguono le indagini su altre piste.

Ragazza di Scalea test negativo

La ragazza di Scalea somigliante a Denise Pipitone non è la bimba scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo: a confermarlo l’esito negativo del test del DNA annunciato durante Pomeriggio Cinque.

Ragazza di Scalea: test dna negativo

A dare la notizia è stata l’inviata del programma in collegamento dal palazzo di Giustizia.

Un esito atteso dato che la stessa ragazza, interrogata dai Carabinieri del centro calabrese, aveva ammesso di non essere Denise. Ma la Procura di Marsala aveva comunque disposto la comparazione del DNA dopo la riapertura delle indagini sulla scomparsa della bimba siciliana. Diversi gli elementi che avevano eslcuso che Denisa, la ragazza in questione, potesse essere Denise: la giovane aveva infatti affermato di essere venuta in Italia dalla Romania all’età di 7 anni e mostrato i documenti la cui data di nascita non corrispondeva con quella della figlia di Piera Maggio.

Inoltre Denise ha 19 mentre Denise ne avrebbe 21.

Ragazza di Scalea, test dna negativo: chi è

La giovane è stata segnalata da una donna che l’ha casualmente incontrata e, avendo notato una somiglianza con la figlia di Piera Maggio, si è rivolta alle forze dell’ordine che l’hanno interrogata. La ragazza ha raccontato di essere nata in Romania nel 2002 e di essere arrivata in Italia all’età di sei anni e mezzo, di avere una cicatrice simile a quella di Denise ma di non essere lei.

Io sono dispiaciuta per Piera Maggio: è brutto dare una speranza ad una persona che cerca la figlia da tanto tempo. Se fossi veramente io andrei a braccia aperte, ma non sono io, non so come dirvelo, aveva aggiunto ai microfoni di Pomeriggio Cinque mostrando il suo certificato di nascita.

Ragazza di Scalea, test dna negativo: proseguono le indagini

Nell’attesa che la Procura dia ufficialmente la notizia dell’esito negativo, ancora ufficiosa, Barbara d’Urso ha specificato che “Lei aveva detto subito di non essere Denise Pipitone, ma aveva anche detto di non volersi sottrarre al test se ritenuto necessario e così è stato“. Ora che è giunto il risultato, le indagini proseguiranno sulle altre piste tra cui l’analisi della lettera anonima ricevuta dall’avvocato Frazzitta, la testimonianza di Battista della Chiave nonché del carrozziere che ha affermato di aver visto una macchina sfrecciare pochi minuti dopo la sparizione della piccola.

Contents.media
Ultima ora