×

La storia recente della musica siciliana al Litania

Stasera al Litania non perdetevi l’esibizione live della Ventunesima Fobia una band di Castelbuono che si è imposta all’attenzione di pubblico e critica per il loro modo di fare indie rock assolutamente unico. Ecco la loro biografia:

Proprio come espressione assolutamente interiore ed autonoma, le musiche de “laventunesimafobia” non hanno uno stile definito, o meglio non seguono un unico stile, ma si lanciano incontro alla sperimentazione di nuove tecniche, alla ricerca di nuovi suoni, all’analisi di una musicalità diversa da quella, almeno a Castelbuono, considerata “standard”, pur questa stessa inglobandola in questo miscuglio razionale e irrazionale di idee e creazioni. Tutto è possibile, niente è casuale; è solo lasciato libero spazio alla sconfinata creatività. Ogni canzone è il ritratto di un periodo di vita, la documentazione di certe sensazioni, di certi pensieri, di certe concezioni, che non è detto che debbano restare immutate nel tempo.

Ogni canzone è un’istantanea, e come tante istantanee non ce n’è una uguale all’altra: alcune si somigliano magari, ma mai nessuna pronuncerà allo stesso modo la stessa parola. Proprio per evidenziare la singolarità e l’indipendenza di ogni “ritratto” dall’altro, abbiamo deciso di separare i pezzi e raggrupparli in CD (o mini CD) da 2-3 brani l’uno, magari appartenenti ad uno stesso periodo, o nati da idee simili. I lavori della 21ma sono stati recensiti positivamente da molti webzine e siti dedicati alle band emergenti e non, tra cui Rockit (Viteprefabricate, a cura di Federico Linossi; Soggetto colto da improvvisa e lancinante manifestazione onirica, a cura di Monia Baldacci Balsamello), SonikMusik (Soggetto colto…, a cura di Loris Camozzato), Munnezza (Viteprefabbricate, a cura di Demian Campora), SonicBands (Pachiderma, a cura di Igor Tosi).

E’ inoltre presente nelle pagine di molti webzine musicali. Laventunesimafobia ha partecipato al MEI 2004, “Meeting Etichette Indipendenti”, di Faenza (27-28 novembre), nello spazio promozionale dell’associazione culturale Balarm, e nello stand del Golisano Rock Festival, essendo stati inseriti nella compilation”GolisanoRock”. Inoltre ha vinto il concorso per la selezione di 12 gruppi da inserire nella “No_name compilation vol.4”, il quarto capitolo della collana “no_name” e quinta produzione dell’emergente label Milosci Records (www.miloscirecords.tk). Nell’estate 2005 la band ha suonato alla IX edizione dell’Ypsigrock Rock Festival – importante vetrina nazionale, nella quale, nelle varie edizioni, si sono esibiti artisti come i Marlene Kuntz, gli Afterhours, i Blonde Redhead, i Motorpsycho, i Venus, gli Yuppie Flu – aprendo l’esibizione degli italo-francesi Ulan Bator.

Nel 2006 Laventunesimafobia ha inoltre superato le prime e le seconde selezioni dell’Arezzo Wave, entrando a far parte dei sei gruppi ammessi alla Finale Regionale Siciliana dove ha suscitato notevole interesse nella giuria e nel pubblico per l’assoluta e inedita originalità della proposta artistica e per la presenza scenica.

In onore di questi due eventi Laventunesimafobia ha realizzato un dvd, “Ypsiwave”, contenente le riprese delle due esibizioni live. Attualmente, dopo più di un anno di pausa, Laventunesimafobia sta tornando alla ribalta. Dopo mesi di regestrazioni è finalmente uscito il nuovo album, “L’ineluttabile paradosso di Cassiopea”, che la band sta promuovendo in una serie di date siciliane, “…following Cassiopea”. Con il brano “Cut the plug”, dello stesso album, Laventunesimafobia ha partecipato al contest “Rock 10 e lode”, tenutosi il 5 maggio nel teatro Orione di Palermo, in cui si è classificata al secondo posto. Sono in cantiere, inoltre, due nuovi video (“Cut the Plug” e “FNGRS”) e un album acustico, “Minimalism is a cow in a bottle”, con le registrazioni del primo Unplugged.

Dottore in Giornalismo per uffici stampa, blogger dal 2005, a breve giornalista pubblicista, si interessa di tutto. Ma anche di più. Lo trovate sempre in giro per Palermo.


Contatti:

Contatti:
Francesco Quartararo

Dottore in Giornalismo per uffici stampa, blogger dal 2005, a breve giornalista pubblicista, si interessa di tutto. Ma anche di più. Lo trovate sempre in giro per Palermo.

Leggi anche