> > Alessia Piperno, chi è la ragazza italiana arrestata in Iran

Alessia Piperno, chi è la ragazza italiana arrestata in Iran

Alessia Piperno

Dai primi post Instagram rassicuranti all'ultimo del 27 settembre prima del fermo, Alessia Piperno, chi è la ragazza italiana arrestata in Iran

Una viaggiatrice con un’etica che stava per tornare in Pakistan, ecco chi è Alessia Piperno, la ragazza italiana arrestata in Iran.

La 24enne è da sette anni in giro per il mondo ed è in prigione a Teheran dal 28 settembre, prigione da cui lancia appelli a ché qualcuno si interessi della sua situazione. L’Iran oggi è un paese squassato dalle proteste di piazza dopo l’uccisione Masha Amini , uccisa quasi certamente dalla polizia perché non indossava correttamente l’hijab. E Alessia, che non riusciva ad ottenere il visto per lasciare il paese, è stata arrestata dalla polizia “per motivi ancora da accertare”.

Alessia Piperno arrestata in Iran: il blog

La ragazza originaria di Roma è in viaggio dal 2016. Sul suo blog si legge: “Vivevo la classica vita monotona fatta di lavoro, ragazzo, qualche uscita con gli amici e poi di nuovo lavoro. Ho deciso di partire innanzitutto perché volevo provare qualcosa di diverso“. Il papà di Alessia a Roma ha una libreria di testi usati e scolastici a Colli Albani. Sul suo profilo Instagram Alessia ci ha messo il suo personale reportage e in Iran almeno all’inizio aveva scongiurato che vi fossero pericolo: “No, no, no, non c’è niente che vi deve intimorire qui.

Non c’è la guerra, nessuno vi minaccia per strada e gli iraniani sono bravissime persone. Venire qui è come andare in Turchia”.

Il caso Masha e l’ultimo post

Poi la chiosa etica: “La visione della donna è diversa rispetto al resto del mondo”. Poi c’erano state le manifestazioni e le cose erano cambiate, con un ultimo post del 27 settembre, il giorno prima dell’arresto ed Alessia che cita ‘Bella Ciao’ e scrive: “Per noi viaggiatori, turisti, vacanzieri in terre straniere, è facile giudicare, dire la nostra, restare finché è tutto bello, per poi salire su aereo e andarcene.

Eppure per quanto questa possa essere la decisione più saggia da prendere, io non ci riesco. Non riesco ad andarmene da qui, ora più che mai”.