Laghi e mari nel mondo: i più belli da vedere
Laghi e mari nel mondo: i più belli da vedere
Lifestyle

Laghi e mari nel mondo: i più belli da vedere

Il luogo

Una carrellata di mari e laghi tra i più belli del mondo dall’Europa all’America, passando per la Polinesia. Mete ideali per vacanze in tutto relax.

Avete già pensato dove andare in vacanza? Il mondo offre una grande varietà di mari e laghi dalle acque limpidissime, blu, verdi e turchesi. Ecco, dall’Europa all’America, alcune località davvero meravigliose in cui potrete rilassarvi con famiglia e amici.

In Croazia

Questo Paese è famoso per il suo mare cristallino, ma anche per il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice (situato nella parte centrale dello Stato). Numerose le cascate, tra cui una alta 78 metri e chiamata Veliki Slap.

Plitvice

In Grecia

Da sempre l’antica Ellade è una delle mete turistiche più gettonate, non solo per la sua storia e cultura millenaria, ma anche per il mare che lambisce le sue spiagge. Una di queste è Egremni (o Egremnoi), una remota località sulla costa sudoccidentale dell’Isola di Lefkada nel nordovest del Paese. Le sfumature di blu e azzurro e la limpidezza del suo mare sono incredibili.

Egremni_beach

Crater Lake, Oregon

Il Crater Lake, situato nello Stato costiero americano che si affaccia sull’Oceano Pacifico nordoccidentale, è il lago più profondo degli Stati Uniti (594 metri). Come lascia intendere il suo nome, ha origine vulcanica, essendo nato dallo sprofondamento di una caldera.

Crater Lake

Peyto Lake, Alberta, Canada

Anche al nord degli Stati Uniti ci sono laghi incantevoli, per esempio quello intitolato alla guida ed escursionista britannica William “Bill” Peyto (14 febbraio 1869, Welling – 23 marzo 1943, Banff National Park, Canada), morto in quella zona.

Durante l’estate, particelle glaciali di roccia fluiscono nel lago, conferendogli un colore turchese brillante. Viene spesso rappresentato sui libri e attira numerosi turisti.

PeytoLake

Ambergris Caye, Belize

Quest’isola, quasi deserta, è la più grande del Paese centroamericano. Caratterizzata da un mare cristallino e da una natura selvaggia, con numerose paludi e mangrovie, nell’antichità ricoprì un ruolo strategico per le attività commerciali dei Maya. Oggi la sua economia si basa sul turismo, dato che la barriera corallina si trova a pochi chilometri di distanza.

Ambergris Caye

Devil’s Bay, Isole Vergini

A dispetto del suo nome, questa baia, che si affaccia sul Mare dei Caraibi nella zona sudoccidentale di Virgin Gorda, è veramente paradisiaca. Si trova in un parco nazionale e le sue spiagge sono luoghi tranquilli spesso meta dei praticanti di snorkeling. Un molo con una serie di boe consente alle imbarcazioni di attraccare nell’insenatura.

Isole Vergini

Islas de Rosario, Colombia

Queste isole si trovano a circa 100 chilometri dalla città colombiana di Cartagena. Costituiscono uno dei quarantasei Parchi Naturali Nazionali del Paese latinoamericano. Fondato nel 1988 per proteggere una delle principali barriere coralline della Costa Caraibica Colombiana, il parco è visitabile solo previa prenotazione a dei tour organizzati. Ospita un acquario e un oceanarium. Al suo interno si può nuotare, fare snorkeling, pescare e tanto altro.

Islas

Havelock, India

Si tratta di un’isola che appartiene all’arcipelago delle Andamane, nel Golfo del Bengala. E’ la più vicina alla Birmania e Thailandia e il suo mare può a buon diritto essere considerato uno dei migliori della terra.

Havelock Island

Maldive

Il mare incontaminato di questo arcipelago è da sempre meta di una miriade di turisti. Quest’ultimi continuano a frequentare alberghi e villaggi, ma altrove la situazione politica ultimamente piuttosto turbolenta ha avuto contraccolpi negativi per quanto riguarda l’afflusso di viaggiatori dall’estero. Così almeno lamentava qualcuno del posto nel febbraio 2018.

Maldive

Palawan, Filippine

Anche in quest’isola e provincia filippina (la più grande) vanta un mare spettacolare. Raggiunta nel 1521 da Magellano, che la chiamò Pulaoan, è caratterizzata da spiagge lunghe centinaia di chilometri. Ben due i suoi siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO: il parco marino del Tubbataha Reef dagli stupendi atolli corallini dal 1993, e quello nazionale del fiume sotterraneo Puerto-Princesa dal 2000. Puerto – Princesa è anche il nome del capoluogo di provincia.

Palawan

To Sua Ocean Trench, Samoa

La Polinesia è una delle mete turistiche maggiormente gettonate a livello internazionale anche grazie a questa località, “la più grande piscina del mondo”, significato del nome. Si tratta di un paradiso sotterraneo a cui si giunge scendendo una lunghissima scala (30 metri): tecnicamente è un’enorme buca in pietra calcarea con all’interno una piscina naturale situata sull’isola vulcanica di Upolu, protetta da una fitta foresta.

Samoa

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche