×

Lazio, minacce di morte a Igli Tare e al figlio: “Siete il cancro, dormite con un occhio aperto”

Etienne Tare, figlio del dirigente della Lazio, è stato insultato e minacciato di morte su Instagram: il contenuto dei messaggi è da brividi.

Minacce di morte al figlio di Igli Tare e alla famiglia

Il figlio di Igli Tare, uomo simbolo e dirigente della Lazio, ha scritto un post su Instagram per denunciare le minacce di morte recentemente ricevute sui social network. Il giovane Etiennne gioca nella Lazio Primavera e ha deciso di raccontare quanto sta accadendo.

Minacce di morte a Igli Tare e al figlio

Etienne Tare ha scelto di denunciare l’accaduto rendendo pubbliche le minacce ricevute sui social. Le parole pesanti sono state rivolte a Igli Tare e alla sua famiglia. Si tratta di gravi minacce di morte che il giovane attaccante ha scelto di denunciare pubblicamente.

View this post on Instagram

A post shared by Etienne Tare (@etiennetare)

Minacce di morte a Igli Tare e famiglia, le parole del figlio Etienne

Etienne ha scritto un messaggio prima di pubblicare la foto con le minacce ricevute su Instragram. “Sono Laziale da quando sono bambino, esulto ogni volta che vince la Lazio, mi dispero quando perdiamo. Vesto questi colori con orgoglio e senso di appartenenza. Rispetto ogni tipo di critica, perchè la libertà di parola e di espressione sono le cose più belle che esistano.

Credo però che questa volta si sia andati oltre” ha commentato Etienne sui social.

Minacce di morte a Igli Tare e famiglia, le parole del figlio Etienne

“Dispiace leggere certe parole, si può non essere d’accordo con alcune scelte , si può criticare ma mai dovrebbe mancare il rispetto. MAI. Nei miei confronti, di mio padre e della mia famiglia. Etienne Tare“ ha concluso il figlio di Igli Tare. Il giovane ha reso nota la vicenda per spiegare gli attacchi ricevuta alla propria persona, ma anche alla famiglia e soprattutto al padre Igli.

Nonostante questo, però Etienne non si è tirato indietro e ha risposto dopo quanto letto su Instagram.

Il calciatore spagnolo Alvaro Morata è un altro che ha reso note le minacce ricevute a causa del suo rendimento agli Europei e dei gol mancati. Dopo la partita con la Polonia, ha raccontato, ha passato nove ore senza dormire. Sono diverse le critiche feroci che il centravanti sta ricevendo durante il Campionato per le occasioni sciupate. Accuse che non sono mancate nemmeno dopo il 5-0 alla Slovacchia in cui proprio Alvaro Morata ha fallito un calcio di rigore e non è riuscito a timbrare il cartellino del gol. Sulle gravissime minacce hanno indagato gli inquirenti.

Contents.media
Ultima ora